Cava de’ Tirreni, il lamento di Pasquale Falcone e la città silenziata da Servalli & C.

0
1382
foto Angelo Tortorella

Per ragioni di tempo seguo poco o nulla il principale social, Facebook. Tuttavia, l’altro ieri mi hanno segnalato un video postato da Pasquale Falcone lo scorso sabato sera.

Falcone è una persona intelligente oltre che uomo di mondo. Con molto garbo e maestria da consumato regista, ha filmato e commentato la tristezza del borgo porticato della nostra città, praticamente vuoto in un sabato sera. Un deserto desolante che, parole di Falcone, lo hanno sconvolto. Più che a parlare lui, però, è stato bravo a dare spazio all’eloquenza delle immagini.

Certo, è lui il primo ad esserne consapevole, sabato scorso non era stata affatto una bella giornata per la pioggia insistente e per le tragiche notizie della frana di Casamicciola. Ciò, però, non impedisce di restare basiti per come i portici siano spopolati in un sabato sera. E’ davvero triste e deprimente. Figuriamoci per i ristoratori ed affini.

D’altra parte, come potrebbe essere altrimenti? La nostra è una città moribonda. Non ci sono iniziative degne di nota promosse e sostenute dal Comune. E come potrebbe essere del resto, se il nostro Comune non ha il becco di un quattrino, ma solo debiti sopra debiti? Contribuisce poi a desertificarla il costo dei parcheggi.

Questo è.

La verità è che la nostra disgraziata città, un po’ alla volta, è stata silenziata da Servalli & C.. Lentamente la stanno spegnendo, rendendola un cimitero. Amministrazioni comunali peggiori di questa sciagurata di adesso non ce ne sono mai state.

E pensare che, anche a ragione, davamo addosso al sindaco Fiorillo. Altri tempi, d’accordo, ma uno statista rispetto a Servalli. Abbiamo, anche a ragione, criticato assessori alla cultura come Flora Calvanese e Gianpio De Rosa. Ora non possiamo che rimpiangerli, vedendo lo squallore e lo sconforto di adesso.

E’ il buio totale. I nostri attuali governanti tirano a campare, vendendo proprietà comunali per fare cassa e a mettere balzelli per tentare di ripianare almeno un po’ i conti in rosso del Comune.

Nel frattempo, la città si è impoverita. La sua economia spolpata. Le attività nel centro cittadino dissanguate. Il disastro, purtroppo, continua. Non si ferma. Non si vede per nulla un cambio di marcia. L’inerzia di questa Amministrazione comunale è totale. E la città, di conseguenza, è abbandonata a se stessa.

Quando, qualche mese fa, abbiamo definito la nostra una città-dormitorio, qualcuno ha storto la bocca invitandoci a vedere la pochezza dei comuni viciniori. E li vogliamo davvero vedere? Bene. Le due Nocera da tempo procedono con una marcia in più. Lasciamo perdere Salerno, che è un altro pianeta, ma vogliamo parlare di Vietri sul Mare che ci dà lezione oramai in tutto e pullula di turisti e di vita in ogni ora del giorno? Persino la piccola Cetara ci dà i punti. E lo stesso vale per Tramonti.

Noi, grazie soprattutto a Servalli e soci, siamo rimasti in una sorta di lockdown perpetuo. Siamo tra color che sono sospesi, in un limbo di incertezza e di grigiore in cui ci hanno ficcati questi amministratori politicamente di quart’ordine.

Quando Pasquale Falcone e gli altri esercenti del centro cittadino non ce la faranno più, magari sposteranno la loro attività in un’altra città. Speriamo di no.

Noi cittadini cavesi, però, se non cambia la musica a Palazzo di Città, continueremo a subire le angherie e le calamità della cattiva politica. E’ avvilente, ma questa è la realtà.

clicca qui per vedere il video di Pasquale Falcone

Articolo precedenteCava de’ Tirreni, pronto il Calendario 2023 curato dal comitato “Figli di Mamma Lucia”
Articolo successivoAgropoli, giovedì al via la VII Stagione teatrale del CineTeatro “De Filippo”: in scena “Mettici la mano”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.