Fra Gigino è un osso duro

0
1393

L’intervista a fra Gigino, o se preferite a Luigi Petrone, neo candidato sindaco nella nostra città non ha bisogno di essere commentata. Il personaggio è così noto, controverso e divisivo, che ogni lettore tirerà in piena autonomia le proprie personali conclusioni.

In questi giorni sui social si è letto di tutto. C’è anche chi vorrebbe cause e colpevoli di questo fenomeno, tutto in salsa locale, che da un ventennio ha avuto luogo in città. Voler proporre oggi ragionamenti ed analisi sociologiche e politologiche sulla genesi di fra Gigino  lascia il tempo che trova. E’ preferibile, infatti, valutare il candidato Petrone per quello che dice e propone come politico.

Fra Gigino va sfidato sul terreno delle cose da fare. Su come intende muoversi. Su chi si mette a suo fianco. Insomma, va trattato come gli altri candidati. Non sarà certo l’ostracismo a ridimensionarlo. Anzi, la sua candidatura a sindaco sta a dimostrare il contrario. E’ stato allontanato da Cava e ora ci ritorna quasi come un salvatore della patria. Questo per dire che deriderlo, sottovalutarlo o tentare di delegittimarlo è il modo migliore per farlo diventare ancor più il catalizzatore in questa prossima campagna elettorale.

Il consiglio è quello di abbassare i toni, ma, nello stesso tempo, stringere il candidato Petrone sui temi amministrativi e sulle soluzioni che intende prospettare. In breve, parlare di cose concrete e non di aria fritta, men che mai di temi che esulano dalla vita politica.

Una cosa è certa. Fra Gigino è un osso duro. E’ furbo. E’ intelligente. Si veste d’agnello ma è scaltro come una volpe. E’ un personaggio complesso, ma ha carisma. E’ un leader nato. E’ un trascinatore. Ha una dote che lo fa un politico di razza, quella di far sognare, di far intravedere quello che ancora non c’è e forse mai ci sarà. E’ forse anche un visionario, ma è nello stesso tempo un uomo di fatica, un lavoratore instancabile, un irrequieto.

In breve, misurarsi in campagna elettorale con lui non sarà affatto una passeggiata. Già ora ha oscurato gli altri candidati che si oppongono a Servalli, il quale, comunque, resta il candidato più forte ed affidabile, ma quasi di sicuro dovrà battersi con le unghie al ballottaggio.

Resta da capire chi sarà l’altro contendente che sfiderà al secondo turno Servalli. Fino ad una settimana fa non c’erano dubbi: Marcello Murolo. Ora la faccenda si è complicata. Fra Gigino in questi giorni sembra aver creato un clima di speranza e di attesa in quanti non si riconoscono nell’attuale maggioranza. Per questo, è probabile che fra Gigino prenderà voti un po’ ovunque, ma soprattutto fra quelli che votavano in funzione anti-Servalli.

Proprio per questo, è probabile che Murolo debba cambiare radicalmente la sua strategia elettorale. In pratica, essere se non più aggressivo quantomeno più vivace, più attivo, più incisivo, più brioso e determinato. Finora è passata l’immagine di una persona perbene e compassata. Forse ora  c’è bisogno di una più accattivante. Serve una comunicazione meno british, al contrario, più brillante ma anche più martellante. Il rischio per Murolo è quello di passare quasi inosservato, schiacciato com’è tra la verve mediatica del frate e il potere consolidato e rassicurante del sindaco uscente.

In conclusione, con l’entrata a gamba tesi di fra Gigino, nessuno degli altri candidati, nemmeno Servalli, può indulgere in un narcisistico «Non vedete che sono il più bravo di tutti? Che problema avete a votarmi?».

Articolo precedenteConfessione a tutto campo di Fra Gigino candidato a sindaco di Cava
Articolo successivoCava, furto notturno in un esercizio commerciale a via Garzia
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.