Cava, un mantra per i dirigenti comunali: “Il cittadino è il mio padrone”

0
541

Mi spiace tornare sul traffico impazzito di ieri mattina e la evidente imperizia della macchina comunale, ma talune circostanze vanno chiarite per evitare equivoci. A maggior ragione ora che è in corso una campagna elettorale, di cui siamo spettatori, anche annoiati, e non certo interessati protagonisti.

E’ singolare che, ancora un volta, il sindaco Servalli è costretto sui social a scusarsi con i cittadini per il disagio provocato. E’ apprezzabile, ma anche prevedibile il gesto del nostro primo cittadino. Denota la sua sensibilità, il rispetto che ha nei riguardi dei suoi amministrati, la sua signorilità.

Riconosciuto ciò, vanno evidenziati, tuttavia, alcuni aspetti.

In primo luogo, nel suo post il Sindaco sembra narrare di circostanze fortuite ed impreviste: la chiusura del traffico per la Madonna dell’Olmo per la festa patronale e i lavori dell’Enel. Così non è. E il problema è proprio questo. Era tutto ampiamente noto. I lavori dell’Enel stanno intralciando il traffico cittadino da più di una settimana e solo adesso, vivaddio, il Sindaco comunica che si svolgeranno di notte. La festa patronale è da sempre l’8 settembre. In breve, tutto scontato. Bastava programmare e prevedere ciò che era prevedibile. E soprattutto fare una adeguata comunicazione istituzionale, quasi sempre assente o del tutto insufficiente e inadeguata. Tant’è che poi il blocco stradale al tratto antistante la Basilica è stato rimosso e rimesso soltanto nelle ore serali. Insomma, il caos non è stato dovuto ad un improvviso guasto, un imprevisto. Questo è lapalissiano. E’ altrettanto pacifico e ovvio che il sindaco Servalli compia il suo peccato di omissione per coprire manchevolezze altrui.

In secondo luogo, il sindaco Servalli non può cavarsela con l’ennesimo post di scuse per quanto sincere e doverose esse siano. In altre parole, per una delle tante defaillance della macchina comunale e dintorni, non la prima e purtroppo neanche l’ultima, prenderà qualche provvedimento per evitare che si verifichino altri episodi di cattiva gestione? Noi, tanto per essere chiari, non abbiamo la memoria corta. Stiamo ancora aspettando, dopo due mesi, che il presidente dell’Ausino Mariano Agrusta dia pubblicamente conto di quell’indagine interna promessa ai cavesi inviperiti. Era stato preso, ricordate, l’impegno di individuare i presunti colpevoli della mancata comunicazione dell’interruzione idrica, che lasciò all’improvviso a secco quasi l’intera città. Questo per dire che i cittadini, i quali pagano le tasse comunali, l’acqua, i rifiuti, meritano rispetto oltre che servizi degni di un Paese civile. Di sicuro, tanto per essere sempre chiari, non vanno presi per in giro. Mai. Non se lo meritano.

In terzo luogo, ma perché deve essere sempre il Sindaco a chiedere scusa? Vero, a lui va sempre attribuita la responsabilità politica di quello che accade. C’è però un limite a tutto ciò, nel senso che le responsabilità gestionali esistono, sono sancite dalla legge, e fanno capo ad altri, di sicuro non al primo cittadino. In altre parole, quando c’è qualcosa che va storto, quando c’è qualche manchevolezza, sarebbe buona cosa che i responsabili degli uffici, dei servizi, siano dirigenti comunali o meno, prendessero la buona abitudine di spiegare pubblicamente le ragioni che hanno causato i disagi e quando occorre avere l’umiltà, ma soprattutto il buon senso di chiedere scusa ai cittadini per i disservizi provocati. Non importa se per causa di forza maggiore o molto banalmente per incapacità, negligenza, inettitudine, imperizia o altro. Insomma, la responsabilità gestionale dei dirigenti, una prerogativa da loro difesa a denti stretti e ben remunerata, comprende anche il dovere di relazionarsi in modo corretto con i cittadini, i quali non sono l’ultima ruota del carro. E soprattutto non sono dei rompiscatole o dei postulanti, bensì i loro padroni, i loro veri ed unici datori di lavoro. Sì, perché una buona volta per tutte qualsiasi dipendente pubblico, in special modo quelli comunali e più ancora i dirigenti, ogni minuto del giorno devono recitare un mantra inequivocabile: “il cittadino è il mio padrone”. Ecco allora che i cittadini vanno sempre rispettati, informati, serviti. E quando si lamentano non possono essere accusati di lesa maestà, ma al contrario hanno il diritto di essere ascoltati. E quando chiedono, piuttosto che mostrarsi infastiditi va loro data comunque e sempre una risposta. E quando negativa comunque ragionata e motivata.

Non andiamo oltre. Fermiamoci qui. Con un’avvertenza a scanso di equivoci da campagna elettorale: il corretto rapporto fra cittadini e macchina comunale non è una questione di oggi e non riguarda solo l’attuale Sindaco. E’ un problema antico, di sempre, su cui è chiamato a misurarsi chicchessia. Oggi vale per Servalli, ma domani sarà lo stesso anche per i suoi avversari in questa competizione elettorale, se saranno ovviamente chiamati in qualsiasi ruolo ad amministrare la città.

Si, perché i politici passano, ma la macchina comunale e i dirigenti restano…

Articolo precedenteCovid-19, i casi in Italia alle ore 18 di ieri
Articolo successivoCava, incendio all’Avvocatella. Maxi intervento dei pompieri
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.