Cava de’ Tirreni, Luigi Petrone annuncia la sua candidatura a sindaco con un “volemose bene”

0
448
Luigi Petrone (foto Aldo Fiorillo)

Con un messaggio augurale natalizio, Luigi Petrone, il mitico Fra Gigino, annuncia la sua candidatura a sindaco di Cava de’ Tirreni. Per meglio dire, la sua ricandidatura a sindaco per il movimento “La Fratellanza”.

Come notizia non è un granché. Non fosse altro perché nessuno in città ha mai pensato che Petrone non fosse ancora candidato sindaco. Anzi, buona parte dei cavesi, compreso chi scrive, ritiene che se si votasse oggi per le comunali, Petrone verrebbe eletto sindaco al primo turno. A furor di popolo. Non tanto per merito suo, ma soprattutto per demerito degli altri. A cominciare dal sindaco Servalli e dalla sua disastrosa e fallimentare (non solo da un punto di visto finanziario) Amministrazione comunale. E per lo stato semi-comatoso in cui versa il centrodestra metelliano.

Ad ogni modo, qualora ce ne fosse stato bisogno, l’annuncio della candidatura di Petrone è, diciamo così, uno dei pochi elementi di chiarezza. Un candidato sindaco certo c’è. E’ forse un po’ troppo presto, ma c’è.

Oddio, ci sarebbe pure la candidatura dell’avvocato Fabio Siani, di Fratelli d’Italia e di una associazione politico-culturale. Un nome eccellente e di notevole spessore politico, quello di Fabio Siani, ma la sua sembra essere una candidatura in controluce. Come dire, c’è e non c’è, allo stesso tempo. Anzi, senza voler essere maliziosi, la sensazione è che quella dell’amico Fabio potrebbe essere una candidatura buone per più di una soluzione. Di destra, di centrodestra, civica e perfino di centro aperta al contributo di destra e sinistra. Potremmo, anzi, definirla una candidatura a sindaco politicamente multitasking. Non fosse altro per il valore intrinseco di Fabio Siani, un cavallo di razza su cui puntare a prescindere.

Ma torniamo al nostro Luigi Petrone, il quale in questo messaggio natalizio veste i panni di don Sturzo e si rivolge a tutti gli uomini liberi e forti. Il clima natalizio, però, fa a cazzotti con la politica, tant’è che Petrone alla fine pecca di un eccesso di ecumenismo, buono per l’altare ma non per governare la città.

In effetti, l’appello ai cavesi di Petrone è intriso di tanta buona volontà e sani sentimenti, ma politicamente è generico. Siamo al volemose bene, poi non c’è altro.

Ad ogni modo, c’è tutto il tempo per chiarire qual è il progetto di città, i contenuti programmatici, i criteri di selezione del personale politico. Insomma, passato questo periodo festivo, dopo le zeppole, il panettone e le tombolate, di certo Petrone ci dirà qualcosa di politicamente più circostanziato. E’ una persona intelligente, vivace, versatile e molto reattiva. E’ indubbiamente una risorsa per l’asfittico panorama politico cittadino, quantomeno costringerà gli altri a misurarsi e confrontarsi. E questo è di per sé un bene dopo che Servalli e soci hanno contribuito a narcotizzare una città un tempo frizzante e piena di vita come Cava de’ Tirreni.

A Luigi Petrone, cui va da sempre la mia simpatia ed affetto a prescindere da ogni altra considerazione, mi permetto solo di suggerirgli di distinguere la fede dalla politica. Per farla breve, di togliersi definitivamente il saio se vuol fare politica e governare una comunità.

Come insegnava un maestro insuperabile come don Luigi Sturzo, “il cattolicesimo è religione, è universalità; il partito è politica, è divisione”.

Auguri.

Articolo precedenteCava de’ Tirreni, a colloquio con l’avvocato Alfonso Senatore: “Non sono uscito da Fratelli d’Italia, ma…”
Articolo successivoAmalfi, domani notte la stella cometa che scivola sul mare
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.