Quando l’amore uccide

0
88

Ho riflettuto molto prima di scrivere un mio pensiero sulle tante, ormai troppe e quotidiane, notizie di madri che uccidono i figli, di figli che uccidono i genitori, di una violenza che vìola persino il luogo dove dovremmo sentirci protetti: la famiglia.

Senza entrare nel merito dei fatti per doveroso rispetto degli iter giudiziari, penso solo alle mani. Mani che dovrebbero accarezzare e proteggere, custodire e cullare diventano strumenti di morte.

Non conosciamo le cause di questi gesti e probabilmente i periti scriveranno pagine e pagine di perizie cercando nei meandri della mente cause e origini di gesti così efferati.

Forse dovremmo domandarci  cosa abbiamo tra le mani, cosa offriamo a chi ci sta accanto, che strumenti siamo lì dove ogni giorno viviamo?

Guardiamo con sdegno persone comuni che si trasformano in killer ma verosimilmente noi col nostro disinteresse, col tirare a campare, con l’essere ciechi e sordi abbiamo le mani che grondano indifferenza, disimpegno, superficialità.

Quanta vita sprecata! Leggiamo in modo pruriginoso la cronaca per cercare i dettagli di vicende orrende ma non riusciamo a leggere la nostra immagine riflessa allo specchio: quanta vita ho umiliato e ucciso oggi!

E… ho detto tutto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.