La batosta dei Cinque Stelle e la lezione del voto di ieri

0
191

I Cinque Stelle dal voto amministrativo di ieri hanno ricevuto una bella batosta. In parte prevedibile, però: poca aderenza al territorio, candidati quasi sempre sconosciuti e poco credibili, divisioni e scontri interni, errori dei vertici nella gestione delle realtà locali e nelle scelte di campagna elettorale. Tra gli schiaffi più pesanti, quello ricevuto a Parma da Pizzarotti, a suo tempo eletto con i pentastellati  e poi cacciato dal Movimento in disaccordo con Grillo: va al ballottaggio e se la vedrà con il candidato di centrosinistra. Da qui a parlare di crisi elettorale dei Cinque Stelle ce ne corre. Le politiche sono un’altra cosa. E molto dipenderà anche dal sistema elettorale: più è legato ai candidati, più i pentastellati perdono, più è a scatola chiusa nella scelta dei candidati da parte degli elettori, più i cinquestelle si avvantaggiano. In una stagione in cui le ideologie sono state riposte nei cassetti e i partiti non sono altro, quando va bene, che dei comitati elettorali, a fare la differenza sono le persone che si propongono e chiedono il voto. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteSalerno, stasera la cerimonia di premiazione della rassegna “Arte Salerno 2017 – Premio internazionale di Arte Contemporanea”
Articolo successivoSalerno, con l’arrivo dell’estate al via Birra in B…Rocca al Castello Arechi
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.