Acropoli fuori moda

0
191

Atene dice no a Gucci che aveva chiesto di tenere una sfilata di moda nell’Acropoli. Si trattava di un’offerta milionaria, per utilizzare il sito archeologico e per i diritti e la promozione del video della sfilata, che sarebbe durata solo 15 minuti con circa 300 ospiti, molti dei quali giornalisti di moda, emittenti televisive, star del cinema e altre celebrità. Insomma, un modo per i greci di incassare un bel po’ di quattrini, ma anche per promozionare turisticamente ancor più uno dei siti archeologici più importanti al mondo. I greci hanno detto no, definendo la proposta di Gucci “volgare”, “oltre la ragione” e “offensiva”. Il sito, patrimonio dell’Unesco, a loro avviso è incompatibile con una sfilata di moda. Mah, sarà, anche se il rifiuto sembra rivelare piuttosto un atteggiamento spocchioso e soprattutto anacronistico. Più che che la tutela di un monumento, non è che in gioco vi era solo il quieto vivere di chi gestisce il sito archeologico ateniese? Chissà. In ogni caso, i greci anche in questo sono messi peggio di noi. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteNocera Inferiore, domani a Palazzo di Città conferenza stampa per la tredicesima edizione del carnevale nocerino
Articolo successivoIn provincia di Salerno frenata dei fallimenti: -37% nel 2016
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.