LIBRI & LIBRI Viaggiando Onda su Onda… per conoscere

0
32

Leggendo di primo acchito il testo di Maurizio Agamennone, dal titolo “Viaggiando, per onde su onde – Il viaggio di conoscenza, la radiofonia e le tradizioni musicali locali nell’Italia del dopoguerra: 1945-1960” (Squilibri  Edizioni, Roma), salta immediatamente alla mente del lettore leggermente erudito nel segmento musicologico, la facile equazione dei due protagonisti dell’interessante saggio: Alan Lomax sta agli Stati Uniti come Diego Carpitella sta all’Italia: come per dire che, su due territori geografici diversi e diametralmente opposti, operavano due fra le personalità di spicco dell’etnomusicologia mondiale.

Per quelli come me che hanno imperversato sui sentieri della musica afroamericana il nome di Lomax è stato il punto di riferimento da cui partire per studiare i fenomeni socioantropologici di quel popolo, e ritrovarlo nel testo di Agamennone suona come una nota malinconica ma piacevole, tuttavia enormemente accattivante nel constatare come il citato autore toscano abbia saputo cogliere, con perizia culturale, il viaggio salentino, a ragion veduta definito “viaggio della conoscenza”, di questi due mostri sacri dell’etnomusicologia: scienza che senza il fondamentale apporto di tali individui, avrebbe creato una profonda lacuna nello scibile umano. Un viaggio pionieristico su un territorio lacerato da eventi bellici e che andava sapientemente ‘riletto’ e ‘rilegato’ nelle sue trame storiche, sociologiche e, non ultime, antropologiche.

Parallelamente l’arduo lavoro di ‘conoscenza’ dei due etnomusicologici su terra nostrana veniva effettuato dall’embrionale fenomeno radiofonico che scandiva, giorno dopo giorno, “onda su onda” -per richiamare il sottotitolo del libro- le metamorfosi socio-politiche di un Paese in via di ripresa, in cui il reddito nazionale raddoppiava impetuosamente grazie anche al supporto post-bellico del Piano Marshall.

Decantare, quindi, l’innegabile apporto della radio nella temporalità della trama del saggio di Agamennone, significherebbe fare pura “scienza dell’ovvio”. La radio, in special modo nella fase bellica e post, ha rappresentato il filo conduttore della vita degli uomini, vivi e morti, in cui hanno imperversato anche i due gradi etnomusicologi citati, raccontando le tradizioni musicali locali, il folk territoriale che divenne vera e propria voce enciclopedica, i fenomeni tribali di una geografia deturpata dalla stoltezza degli ‘uomini della guerra’.

La radiofonia, attraverso la propria evoluzione del Secondo e Terzo programma, cominciò a offrire prospettive e informazioni parallele, conferendo un nascente pluralismo ideologico, che poi si sarebbe consolidato prepotentemente negli anni a venire. Un vero e proprio slancio di emancipazione sull’etere dalle colpe maturate sotto una dittatura incipiente, la radio apparve come lo strumento di recupero per un’incisiva sobrietà narrativa e un occhio particolarmente puntato sulle comunità locali, raccontando rispettosamente le differenze linguistiche e culturali ignorate e oppresse nel corso della ventennale tirannia.

Articolo precedenteIl Cava Basket vince ancora battendo lo Sporting Portici
Articolo successivoPaestum , il prossimo 24 ottobre presentazione del Primo Bilancio Sociale del Parco Archeologico
Saggista e musicologo, è laureato in “Sociologia delle Comunicazioni di Massa”. Tra i suoi libri ricordiamo: Il Canto Nero (Milano, 1982), Trecento anni di jazz (Milano, 1986), Jazz moderno (Milano, 1990), Vesuwiev Jazz (Napoli, 1999), Il popolo del samba (Roma, 2005), Ragtime, Jazz & dintorni (Milano, 2007), prefato da Amiri Baraka, Una storia sociale del jazz (Milano 2014), prefato da Zygmunt Bauman, Saudade Bossa Nova (Firenze, 2017). Per i “Saggi Marsilio” ha pubblicato l’unica Storia del ragtime, in due edizioni (Venezia, 1984 e 1989) edita in Italia e in Europa. Ha scritto monografie: due su Frank Sinatra (Venezia, 1991) e The Voice – Vita e italianità di Frank Sinatra (Roma, 2011), e su Vinicio Capossela (Milano, 1993), Francesco Guccini (Milano, 1993), Louis Armstrong (Napoli, 1997), un paio di questi col contributo amichevole di Renzo Arbore e Gianni Minà. Collabora con la RAI, per la cui struttura radiofonica ha condotto diverse trasmissioni musicali, e per La Storia siamo noi ha contribuito allo special su Louis Armstrong. Tiene periodicamente stage su Civiltà Musicale Afroamericana oltre a collaborare con la Fondazione Treccani per le voci afroamericane. Tra i vari riconoscimenti ha vinto un Premio Nazionale Ministeriale di Giornalismo, ed è risultato tra i finalisti del Premio letterario Calvino per l’inedito. Per la narrativa ha pubblicato un romanzo breve per ragazzi dal titolo Easy Street Story, (Npoli, 2007), la raccolta di racconti È troppo tardi per scappare (Napoli, 2013), il romanzo epistolare Caro Giancarlo – Epistolario mensile per un amico ammazzato, (Terracina, 2014), che gli è valso il Premio ‘Giancarlo Siani’ 2014, e un e-book dal titolo Ballata e morte di un gatto da strada (Amazon, 2015), un romanzo storico sulla figura di Malcolm X, prefato da Claudio Gorlier, con postfazione di Walter Mauro, e supervisionato da Roberto Giammanco. È il direttore artistico del Festival Italiano di Ragtime e il suo sito è www.gildodestefano.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.