L’ARCHRITICO Tutte nostre sorelle, le sorelle Macaluso

0
36

Se i ricordi non invecchiano, c’è solo un posto dove si conservano intatti.

La casa della nostra infanzia è un’architettura senza tempo.

Dinanzi al disfacimento fisico delle persone, lo spazio dell’avvenuto si mantiene intatto.

Nel film “Le sorelle Macaluso”, tratto da una fortunata piece teatrale, di Emma Dante (6 candidature ai David di Donatello 2021, tra cui “miglior film” e “miglior regia”) una casa all’ultimo piano alla periferia di Palermo diventa custodia per un’ingenua felicità.

Una teca dove la leggerezza si trattiene sottovuoto.

Eletto per nascita, caso o vocazione, al luogo degli affetti si ritorna sempre. Come piccioni al nido.

Anche dopo quel momento esatto in cui i ricordi si tramutano in rimpianti.

D’altronde, stipati nei cassetti, nessun oggetto invecchia veramente. Negli arredi in radica lucida e carta da parati che, solo all’epilogo, struccata dai quadri, rivela l’alone stinto dei decenni.

Tra l’indaco dei cieli che non sbiadisce, allineamenti di cabine su mare turchese, stabilimenti gusto liberty e dinosauri nei prati.

Se la casa di “Parasite” è la proiezione dei nostri desideri più ambiziosi, quella delle sorelle Macaluso è lo spazio assoluto della nostra nostalgia.

Di ciò che non saremo mai più.

Ritornando nelle case dell’infanzia, maneggiamo corpi fragili.

Frugando nell’albergo del passato ne smontiamo le stanze; ci intriga ritoccare i percorsi della memoria. Auspicare resurrezioni, pure negli esami autoptici.

Servirebbe la mano fatata di un restauratore di anime: non esiste ristrutturazione più vana di quella di una vita.

Per questo sono tutte nostre sorelle, le sorelle Macaluso.

FOLLOW ME ON TWITTER:  @chrideiuliis – search me on  LINKEDIN

Articolo precedentePicconature:  caos vaccini tra cirenei, politici e tecnici
Articolo successivoAuguri di buona Pasqua
Nasce, vive, vegeta in costa d’Amalfi. Manifesta l’intenzione di voler fare l’architetto, nel 1984, in un tema di quarta elementare, raggiunge l’obiettivo nel 2001. Nel 2008 si auto-elegge Assessore al Nulla. Nel 2009 fonda il movimento artistico-culturale de “Lo Spiaggismo”. Avanguardia del XXI^ secolo che vanta già diversi tentativi di imitazione. All’attivo ha quattro mezze maratone corse e due libri pubblicati: “L’Architemario – volevo fare l’astronauta” (Overview editore – 2014) e “Vamos a la playa – Fenomenologia del Righeira moderno” (Homo Scrivens – 2016). Ha ricevuto premi in diversi concorsi letterari. Si definisce architetto-scrittore o scrittore-architetto. Dipende da dove si trova e da chi glielo chiede.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.