Cava, Ponzio Pilato abita qui?

1
172

Per come ci stiamo avvicinando alle prossime comunali a Cava de’Tirreni, è legittimo chiedersi se tutti questi candidati a sindaco siano un segnale positivo circa la qualità della nostra democrazia o, al contrario, la spia di una patologia politica?

Oddio, che un bel po’ di persone pensino di avere i numeri (elettorali), le qualità (politiche) e le competenze (amministrative), per governare la propria città testimonia, in fondo, che il sistema democratico è più che radicato nella nostra realtà sociale e culturale. Niente di male, quindi. Anzi.

E’ anche vero, però, che troppi candidati significano altro. Innanzi tutto, l’assenza di leadership politiche forti e riconosciute, ma anche l’incapacità da parte dei vari soggetti politici di fare sintesi e quindi aggregazione. Insomma, le divisioni e i contrasti, e quindi lo spirito di competizione e di confronto, sono il sale della democrazia checché se ne dica, quando però l’eccessiva frantumazione politica porta al rischio della polverizzazione del voto, allora vuol dire che qualcosa non va nel verso giusto, che si è di fronte a qualcosa di patologico, in altre parole, al cattivo funzionamento dei processi politico-democratici.

D’altro canto, al di là dei tanti candidati a sindaco -molti dei quali chiaramente strumentali, altri impresentabili e soprattutto improbabili nel ruolo di primo cittadino- c’è il problema davvero drammatico dell’assenza di una classe dirigente. Potremmo dire, anzi, che l’alto numero dei candidati a sindaco è indirettamente proporzionato alla qualità della classe dirigente che dovrebbe accompagnare il primo cittadino nel governo municipale.

Questa, in fondo, è la vera questione. Tolto il sindaco uscente che, nel bene e nel male, per quanto criticabile una squadra ce l’ha già, gli altri candidati hanno dietro di loro il vuoto. E questo vale sostanzialmente per tutti, anche per quelli più accreditati.

E’ questa la vera patologia e nello stesso tempo la spia di un malessere politico, ma anche socio-economico e culturale, che vive in questa stagione la nostra città.

E allora? Una soluzione non c’è. Al più, si possono formulare auspici.

Il primo, è che fra tanti candidati a sindaco, ma immaginiamo anche a consigliere comunale, gli elettori cavesi sappiano fare quella sintesi che è mancata ai protagonisti della politica cittadina. In pratica, scegliere il meglio, quelli cioè che si ritengono più proponibili per il ruolo in cui si candidano. Non è che l’operazione sia tanto facile, ma sperare non costa nulla.

Il secondo, è che quanti nella nostra città occupano un ruolo sociale e professionale di un certo rilievo, diano qualcosa in più in termini di impegno civico e istituzionale, andando oltre l’associazionismo borghese e autoreferenziale. Dedicare qualche ora alla cosa pubblica significa investire nel futuro della città e quindi anche dei propri figli. Insomma, la classe dirigente emerge se il meglio di questa nostra città va oltre la cura del proprio, esclusivo orticello, superando così egoismi, convenienze e indifferenza. In altre parole, è il pilatismo che contribuisce a generare la cattiva politica e non viceversa, come però si vuol far credere.

Non ci resta che sperare, dunque, non fosse altro perché serve a poco piangerci addosso. (foto Michele Mari)

Articolo precedenteVesuvio, approvata la nuova Zona Gialla: sono 63 i comuni esposti al rischio caduta ceneri, fra cui c’è anche Cava de’ Tirreni
Articolo successivoSalerno, per i contratti di rete sportello telematico dell’Ance
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.