Salerno, un presepe per sognare al Parco storico Sichelgaita

0
215

In ogni presepe, Gesù rinasce. Sicuramente è rinato durante l’interessante ed emozionante serata dedicata al presepe e al Natale organizzata dalla professoressa Clotilde Baccari Cioffi, Presidente dell’associazione culturale “Parco Storico Sichelgaita”, al Circolo Canottieri Irno, presieduto dal dottor Alberto Gulletta.

A raccontare il presepe, protagonista della famosa commedia di Eduardo De Filippo ”Natale in casa Cupiello”, è stato il  professor Francesco D’Episcopo,  che  ha ricordato il divertente dialogo tra Luca Cupiello e il figlio Tommasino:” Luca  chiede al figlio Tommasino:” Te piace ‘o presepe?”. Purtroppo Tommasino gli risponde che non gli piace, provocando sconforto e dolore in Luca che sogna il presepe che per lui rappresenta l’armonia, la metafora più bella e poetica dell’esistenza. Purtroppo la vita non è un presepe. Bisognerebbe  cercare di costruire dei presepi dell’anima”.

Il professor D’Episcopo, ha raccontato la trama della commedia scritta nel 1931 spiegando il significato profondo dell’opera eduardiana:” Il napoletano  è nato per sognare e non per vivere la realtà della vita,  perché la vita non corrisponde mai ai suoi sogni; attraverso il sogno cerca di preservare la poesia della vita. Il Benino, il pastore che nel presepe è disteso a sognare, rappresenta il grande sognatore che vuole continuare a sognare, aspettando l’Avvento, l’arrivo del bambino Gesù. Il capolavoro di Eduardo è una sorta di testamento, un insegnamento, un invito a voler continuare a coltivare e a credere nei veri valori della vita. A continuare a sognare e a non lasciarsi condizionate troppo dalla realtà, soprattutto quando la realtà è brutta e violenta. Luca è l’ultimo Don Chisciotte dell’amore e della pace che lotta contro i mulini a vento. Questa non è una lotta completamente inutile. Qualche speranza ancora c’è”.

Del suo bellissimo  e grande presepe ,( ha le  dimensioni di 2,20 x 2,60 x 2,80 metri),  esposto  permanentemente nell’ala laterale del Tempio di Pomona, ha parlato, con l’ausilio di alcune immagini, Anna Barone De Riso:” Il mio presepe è nato oltre  quarant’anni fa. Costruirlo per me è stato come un gioco affascinante. Ho sempre amato i presepi e dopo la visita al presepe Cucciniello, del ‘700 custodito nel museo di San Martino a Napoli ho provato a fare il “mio presepe dal sapore antico”. Nacquero così i miei primi pastori: la Madonna, San Giuseppe, il Benino, i Re Magi. Dipingevo le testine che mi procuravo a San Gregorio, poi costruii la capanna, le case, i banchetti. Il mio presepe si espandeva e si affollava: troppo per la mia casa. Da qui l’idea di donarlo alla Curia di Salerno, sperando che il mio esempio possa risvegliare in qualcuno il desiderio di sperimentare e continuare quest’antica tradizione”. La serata è stata impreziosita dalla presenza di due zampognari, Aniello Tancredi e Pietro Pisano, del gruppo cilentano” Kiepò”, che hanno suonato la classica “Novena di Natale”, “La Tarantella” e altri brani tradizionali natalizi. L’onorevole Alfonso Andria ha recitato con ironia, da grande attore qual è, un brano a più voci tratto dalla ‘A cantata d’e pasture di Raffaele Viviani; “Buono Natale” di Salvatore Di Giacomo,  la divertente “Presepio in costruzione” di Ferdinando Russo,  la simpatica  e umoristica poesia del compianto Agostino Rizzo ”Sulo Natale”, e cantato” Quanno nascette Ninno”.

La nota attrice Elena Parmense, ha affascinato tutti recitando un Carme di Alfano I, tradotto dal latino in napoletano dal maestro Guido Cataldo, mentre l’attore e regista teatrale, Gaetano Stella, ha recitato una poesia di Salvatore Di Giacomo, la suggestiva poesia “Natale è ogni juorn”, scritta da Guido Cataldo, e cantato la “Canzone di Razzullo”, tratta dalla “Cantata dei Pastori”. La poetessa Elena  Mancusi Anziano, ha recitato, con la consueta bravura, una poesia di Trilussa “Natale de guera” e la poesia scritta dalla professoressa Clotilde Baccari Cioffi” Benino, pastore di pace”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.