Cava, l’assessore Minieri attacca l’ex sindaco Galdi: “Stiamo facendo quello che lui non ha fatto”

0
637
assessore Giovanna Minieri (foto Gabriele Durante)

“Il redigendo nuovo Piano Urbanistico Comunale (PUC) ha visto muovere i primi passi nel 2008, con l’Amministrazione Gravagnuolo, ha proseguito in modo inerme per i cinque anni dell’Amministrazione Galdi, l’Amministrazione Servalli, invece, si è assunta l’onere di risolvere questo annoso problema”.

E’ quanto sostiene l’Amministrazione comunale metelliana in una nota diffusa oggi, dal tono molto seccato nei riguardi dell’ex sindaco Marco Galdi.

“Ogni tanto l’ex Sindaco Galdi si sveglia e ci ricorda quando non ha fatto in cinque anni – afferma in proposito l’assessore all’Urbanistica, Giovanna Minieri – sorprendendo per i vuoti di memoria rispetto a quanto non portato avanti dalla sua Amministrazione. Basta dire che le osservazioni presentate nel 2009 durante l’Amministrazione Gravagnuolo sono state valutate dall’Amministrazione Galdi solo nel 2013, quindi, ben quattro anni dopo e tale procedimento non è stato nemmeno concluso”.

“Questa -conti9nua- è una delle criticità maggiori che oggi si presentano nel portate a compimento la procedura di approvazione del PUC. Abbiamo dovuto riprendere dagli scaffali le pratiche, ricominciare praticamente tutto daccapo, aggiornando la parte di analisi del territorio ai piani sovraordinati intervenuti e modificatisi nel frattempo, aggiornato l’orizzonte temporale che era al 2016, ripreso il rapporto con il prof. Gasparrini cui era stata affidata la consulenza scientifica”.

“Abbiamo dovuto ricostituire, anche se minimo, un ufficio di piano -conclude- che era stato completamente smantellato da Galdi, a dimostrazione del suo interessamento. La modifica all’articolo 7 della legge 35/87,  vista dall’ex sindaco come panacea risolutiva per l’approvazione del PUC è stata introdotta nel 2014 ma non utilizzata dalla sua amministrazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.