Cava, la Caritas organizza una raccolta fondi per l’Emporio Solidale

0
403

“Siamo finalmente partiti con i lavori di realizzazione dell’Emporio della Solidarietà, una vera e propria possibilità di dignità, nel cuore di Cava de’ Tirreni e che, come detto più volte, si pone l’obiettivo di accompagnare il prossimo verso l’autonomia”.

Per questo motivo la Caritas Diocesana di Amalfi – Cava ha messo in campo un’azione di raccolta fondi a favore di un progetto ambizioso che si conferma il primo in provincia di Salerno ed il terzo in Regione Campania: l’Emporio Solidale come scelta di dignità.

In pratica si tratta di un vero e proprio minimarket ove gli utenti, grazie a una social card, potranno acquistare i prodotti, o meglio “scegliere”. Da qui all’intenzione decisa di eliminare definitivamente il pacco alimentare e quindi ridare dignità al prossimo. Certamente tutto questo sarà a supporto di un circuito più vasto che parte dall’analisi dei casi. Basti pensare all’enorme lavoro svolto dal centro d’ascolto, cuore della Caritas Diocesana di Amalfi Cava e all’equipe multidisciplinare di volontari che collaborano con questa realtà.

Chiediamo un supporto a tutti coloro che vorranno sostenere questo progetto e cogliamo l’occasione per ringraziare chi già ha contribuito. Infatti proprio in questi giorni ci sono stati donati degli accessori da uomo (cravatte, cinture e pashmine) con cui abbiamo deciso di omaggiare i donatori più generosi. Trattasi di oggetti di ottima fattura e prodotti da due noti marchi di abbigliamento della moda nazionale.

Per tutti coloro che volessero contribuire alla realizzazione di quest’opera, possono recarsi presso gli uffici della Caritas Diocesana siti in piazza Vittorio Emanuele II, 17 – 84013 Cava de’ Tirreni (SA).

Per info e contatti chiama al numero 089 296 50 08, oppure scrivici all’indirizzo e-mail caritasamalficava@libero.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.