Cava de’ Tirreni, varato il nuovo Piano della sosta: un altro salasso per i cavesi

3
2254
foto Angelo Tortorella

Lacrime e sangue anche per parcheggiare a Cava de’ Tirreni. E’ quello che emerge dal nuovo Piano della sosta approvata con delibera della Giunta comunale lo scorso 3 settembre clicca qui per leggere il nuovo piano della sosta.

Gli aumenti tariffari anche in questo caso sono esponenziali. Nei parcheggi di S. Francesco, a piazza Amabile e in quello dell’ex piscina di via Cuomo si pagherà 2 euro all’ora, all’ex Metropark e a via Schreiber euro 1,50, mentre all’area mercatale e a via Gramsci 50 centesimi.

Un salasso sarà anche per i permessi ai residenti. Chi ha un ISEE inferiore a 7.000 euro annui il costo del permesso annuo sarà di 50 euro (in pratica con quel reddito non ci si può neanche permettere di avere un auto). Fino a 15.000 euro annui di ISEE il costo sarà di 100 euro, da 15 a 20 mila euro di 150 euro, da 20 a 40 mila euro il costo sarà di 200 euro, chi supera i 40 mila euro il costo del permesso annuale sarà di 300 euro. Ovviamente parliamo della prima auto. Per la seconda eventuale auto, il permesso costerà 37 euro al mese, oppure 180 euro a semestre o 300 euro all’anno.

3 Commenti

  1. Ma i commercianti dormono? Non capite che così nessuno verrà più a Cava e il commercio morirà? Questa è la misura più oscena che potevano adottare. Almeno predisponessero, come a Vietri, un aumento solo per il periodo estivo, e tariffa zero per i mesi invernali, eccetto sabato e domenica. A Cava ci si viene anche per bere solo un caffè nei luoghi più suggestivi, e chi verrebbe a prendere un caffè pagandolo 3 volte tanto grazie alle tariffe del parcheggio tripilicate?

  2. L’amministrazione si preoccupa di far quadrare i conti, è giusto, anche i cittadini a loro volta cercano di far quadrare il bilancio familiare. Quindi mi chiedo e chiedo alla Metellia/Comune di attivare i parcometri a tempo e non a tariffa fissa, perchè se parcheggio l’auto per un tempo di 15 minuti devo pagare la tariffa piena?. Perchè devo circolare su strade impraticabili, perchè quei pochi marciapiedi devono essere perennemente occupati da auto e le persone vagano sul piano viabile? Se vogliamo essere una città modello si dovrebbe cominciare dal buon vivere nella nostra comunità, dando esempio di capacità e buona volontà di amministrare la nostra città.

  3. PERCHE’ L’AMMINISTRAZIONE NON DIMINUISCE GLI STIPENDI DEI DIRIGENTI E FUNZIONARI, PER FAR QUADRARE I CONTI? NON SI RENDONO CONTO CHE IL COMMERCIO A CAVA DE’ TIRRENI è SULL’ORLO DEL FALLIMENTO E LA CLASSE MEDIA è SCOMPARSA? DOV’è L’OPPOSIZIONE?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.