Cava de’ Tirreni, carenza di personale nel reparto di Ortopedia: rischio chiusura

0
280

Il consigliere comunale Raffaele Giordano: “Se si ammala un medico, si chiude il reparto”

La carenza di organico nel reparti di Ortopedia e Traumatologia al Plesso Ospedaliero “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” è un problema che versa in condizioni drammatiche.

La situazione sta diventando insostenibile, soprattutto dopo che è stata tolta la reperibilità notturna. Il nosocomio metelliano, infatti, non è più punto di accoglienza per i traumi notturni dalle 20  alle 8 del giorno successivo per tutto il periodo estivo.

A puntare i riflettori sulla problematica è, ancora una volta, il consigliere comunale Raffaele Giordano che ha sollevato la questione durante il Consiglio comunale che si è svolto ieri pomeriggio.

Giordano, nel corso di una raccomandazione ha caldamente invitato l’Amministrazione comunale a tenere viva l’attenzione su questa situazione emergenziale.

“Solo l’amore e l’abnegazione dei nostri medici stanno mandando avanti il reparto – ha amaramente evidenziato il consigliere Giordano – Ci sono soltanto tre medici. La scorsa settimana sono stati effettuati 12 interventi e 5 femori. Numeri allucinanti se si pensa che anche l’ospedale di Nocera Inferiore è in difficoltà e il 118 sta drenando su Cava”.

“I medici non riescono più ad andare avanti in questi condizioni, l’intero carico è sulle loro spalle. Bisogna intervenire in qualsiasi modo. Decidete voi quale e fate qualcosa perché se si ammala un medico, il reparto di ortopedia a Cava chiude, sono state le conclusioni di Giordano.

Occorre garantire il diritto alla salute e le patologie di natura traumatologica sono sicuramente un problema improcrastinabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.