Alleanza delle Cooperative della Campania, settore abitazione, plaude alla legge regionale sulla rigenerazione urbana

0
34
foto Angelo Tortorella

L’Alleanza delle Cooperative della Campania, settore abitazione, ha accolto con favore le disposizioni in materia di rigenerazione urbana ivi contenute. Ne dà notizia un comunicato stampa diramato dalla sua direzione.

Il concetto di rigenerazione urbana abbraccia fenomeni ed esperienze molto diversi ed oscillanti dalla partecipazione civica alla gestione di beni di rilevanza sociale, dalla trasformazione e ripristino di aree presenti nel tessuto urbano al contrasto dei fenomeni di esclusione sociale. La Regione Campania si è fatta interprete di questo nuovo e mutato quadro di sviluppo territoriale ed è intervenuta con la recente legge n.13, approvata dal Consiglio Regionale lo scorso mese di agosto.

“Siamo soddisfatti del lavoro che la Regione Campania, attraverso l’impegno dell’assessore Discepolo, ha realizzato in materia di rigenerazione urbana, con l’approvazione di una legge ad hoc che accoglie anche la definizione dell’edilizia residenziale sociale, come richiesto dal mondo della cooperazione. Tale definizione riconosce in Campania l’abitare come diritto sociale, rappresentando uno dei fattori centrali della sostenibilità economica e sociale delle persone e delle famiglie. Con questo tracciato, si dà il via ad un uso comune del patrimonio abitativo non utilizzato e si va nella direzione di rispondere alla domanda abitativa dei giovani e dei nuclei familiari fragili” riferisce Antonio Gesummaria, coordinatore del settore abitazione dell’Alleanza delle Cooperative della Campania.

Dall’Alleanza delle cooperative, per la precisione da Mario Mosella e Aldo Carbone, co – coordinatori del settore, giunge poi un espresso invito alla Regione per il varo di un programma straordinario di alloggi in locazione, con l’utilizzo dei fondi del P.N.R.R. ritenuto prioritario a sostegno dei giovani campani che, già in difficoltà per la ricerca del tanto agognato lavoro, sono costretti spesso a lasciare la Regione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.