Agropoli, stasera al Palazzo Civico delle Arti l’inaugurazione della mostra dell’artista Giuseppe Acone

0
156

Questa sera 1° ottobre, alle ore 19, si terrà presso il Palazzo Civico delle Arti di Agropoli l’inaugurazione della mostra personale “Ho visto umani che voi cose non potete immaginare” dell’artista Giuseppe Acone e a cura di Antonella Nigro.

IL BASCO E L'UOMO“Il titolo che ho dato alla mostra è chiaramente un “rovesciamento” ludico della famosa frase del replicante di Blade Runner… dalla grande penna di Philip K. Dick – spiega Giuseppe Acone– ma a è anche per me il tentativo di dire che le “cose” sono altrettanto importanti rispetto “all’umano”…Anzi questa mia pittura credo che “fonda” addirittura (come s’arguisce dai lavori) l’uomo e la “cosa”. Queste “figure” potrebbero essere metà uomo metà cosa”.

Nell’ambito della serata l’artista presenterà il suo libro “Un martello dal barbiere… e altre cronache dello sguardo”, raccolta di brevi racconti edito da Senso Inverso Edizioni.

Giuseppe Acone, pittore, regista, scrittore, attore, ha cominciato, negli anni 90 con il teatro, continuando poi con diverse produzioni cinematografiche.

MindLa mostra personale «La pittura dell’Inv(is)(ed) ibile», al Palazzo di Città di Battipaglia nel 2008/2009, segna il suo esordio come pittore.

In quella occasione, il Maestro Wilkien’s Hans Desiderio, dichiarò che «Acone è arrivato, senza calcolo e in maniera istintiva, a una pittura figurativa informale di tendenza espressionista, che omaggia amorevolmente il “Cavaliere Azzurro” il gruppo di artisti d’ispirazione espressionista di Monaco di Baviera, il cui principale riferimento era Kandinskij».

Tante altre sono poi state le sue esposizioni in vari luoghi della Campania ma anche a Venezia e Milano.

Palazzo Civico delle Arti via C. Pisacane, 11 – Agropoli

La mostra sarà visitabile dall’1 al 30 ottobre dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 20 (chiuso il lunedì).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.