LA FINESTRA SUL CORTILE Per il bene comune un patto sociale per la città

0
159

Questa sera, come riferiamo in un servizio pubblicato ieri, si terrà un convegno sull’amministrazione condivisa che vedrà tra i protagonisti il professore Luigi Senatore e la sua associazione.

All’apparenza può apparire un tema astratto e lontano, al contrario, è molto probabilmente la possibile e auspicabile soluzione alle angustie politiche, finanziarie e amministrative che affliggono la Pubblica Amministrazione, e in particolare gli Enti locali, in primis i comuni. Ma è anche uno strumento formidabile per superare d’un colpo solo, ma non magicamente, la mala politica e la cattiva amministrazione, oltre che la demagogia populista e la crisi di credibilità della stessa politica e delle istituzioni. Insomma, un modo per recuperare il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni.

Oddio, questo presuppone innanzi tutto una classe politica aperta e preparata culturalmente, molto più di quella che, nel suo complesso, ci ritroviamo adesso. A Cava come altrove. E richiede anche dei cittadini più attivi, più partecipi, più motivati rispetto a ciò che rappresenta il bene comune e la gestione dello stesso.

Ad ogni modo, non è mai troppo tardi per impostare certi discorsi, per quanto all’apparenza avveniristici se non addirittura utopistici.

D’altro canto, quel che propone il professore Senatore, come del resto lui stessa ci tiene ad evidenziare, trova già esempi concreti, anzi, talune impostazioni sono il frutto di elaborazioni teoriche alquanto datate.

Non a caso, sulla necessità dell’Amministrazione pubblica di mettere in comune con i cittadini la percezione e la ricerca della soluzione dei problemi o di uno specifico di esso, già un bel po’ di anni fa il professore Gregorio Arena, attuale ideatore e promotore dalla rete Labsus, e a cui si ispira l’associazione del prof. Senatore, parlava della necessità di “convincere nel senso letterale di «vincere insieme», risolvere insieme un problema di interesse generale. Nel senso “che la sua soluzione è nell’interesse di tutti e che è necessario il contributo di tutti per risolverlo, perché nessuno può risolverlo da solo” . In altri termini, sforzi congiunti di più soggetti, dove l’insieme dei “contributi non dà luogo ad una semplice addizione di energie, bensì ad una loro moltiplicazione” (AA.VV., Teoria e tecniche della Comunicazione pubblica – Capitolo 2 – Comunicazione e amministrazione condivisa di Gregorio Arena- Etas 2001).

In altre parole, l’idea fondante è che i cittadini non sono solo portatori di bisogni, ma anche di capacità tali da contribuire a dare soluzione ai problemi cui attende la Pubblica Amministrazione.

Uno di questi problemi, ma non il solo, è la gestione dei rifiuti. Se vogliamo per davvero avere meno costi e città più pulite è indispensabile, come scrivevamo già nel luglio 2015 (Cava, la sfida di rifiuti), “sollecitare la collaborazione dei cittadini, non solo richiamandosi giustamente a principi etici e civici, ma anche e soprattutto con un sistema oggettivo di premialità, che concretamente promuova chi fa bene il suo dovere di cittadino rispetto alla raccolta differenziata dei rifiuti, e penalizzi chi, invece, è negletto o crede di fare il furbo”.

Purtroppo, in questo campo, come in altri, l’Amministrazione Servalli è stata una totale delusione, credendo di risolvere il problema esclusivamente con multe più salate e cercando, invano, di perseguire i trasgressori mettendo in campo più controlli e più vigili.

E, su questo tema (ma anche su altri come la mobilità, il verde pubblico, la gestione del patrimonio comunale, la sicurezza, la promozione culturale e turistica), l’iniziativa di stasera ci dà il la per ribadire che “la città, se ben sollecitata e indirizzata è, nel suo complesso, più che matura per raggiungere risultati significativi anche in tempi più ristretti. Occorre, però, saper lavorare in termini politici, amministrativi e di comunicazione”.

E’ quello che, in fondo, in larga misura è mancato a Servalli e ai suoi.

Ciononostante, continuiamo a ritenere che l’attuale Amministrazione comunale, o meglio il suo Sindaco, abbia le carte in regola per voltare pagina e dare alla città un governo migliore di quello finora messo in campo.

E siamo convinti che con un diverso approccio da parte dell’Amministrazione comunale la stragrande maggioranza dei cittadini metelliani, quale che sia l’orientamento politico, saranno capaci e ben lieti di dare una risposta positiva e una partecipazione fattiva. Siamo certi che, se adeguatamente motivati, i cavesi sapranno e vorranno contribuire alla res publica con i gesti concreti, i comportamenti quotidiani, ma anche con qualche azione materiale in più.

I cavesi, come dicevamo prima, sono sufficientementi maturi per dare qualcosa in più alla comunità sia come cittadini singoli sia come componenti di associazioni o di qualsiasi altra formazione sociale.

Se così è, siamo tutti chiamati, a partire dal sindaco Servalli, a valorizzare la sussidiarietà orizzontale, sviluppare la civicness, promuovere la solidarietà, la coesione sociale e il bene comune.

Non abbiamo altra strada se vogliamo davvero bene alla nostra città, ai nostri figli. Non possiamo continuare solo a chiedere, a pretendere, ma imparare responsabilmente a dare, in modo organico e strutturato, e non più sporadico e occasionale.

Come abbiamo avuto già modo di scrivere, “se vogliamo evitare l’arretramento e il degrado delle nostre comunità locali, se non intendiamo rassegnarci ad avere minori servizi, dobbiamo giocoforza concorrere a rivedere il nostro rapporto cittadino-pubblico, ovvero società civile-istituzioni. A Cava come altrove, e a prescindere da questa o da una qualsiasi altra amministrazione, per forza di cose dobbiamo puntare a  ripensare all’organizzazione delle nostre comunità attraverso un nuovo patto sociale” (Cava, dai rifiuti un nuovo patto sociale).

Ce la possiamo fare. Ce la dobbiamo fare. E speriamo di farlo da subito, già con il sindaco Servalli.

Articolo precedentePaestum, sabato e domenica nel Parco Archeologico con gli antichi romani
Articolo successivoDa oggi a domenica le iniziative di Legambiente per spiagge e fondali puliti
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.