Di questi tempi non è facile fare il Sindaco… ma Servalli ci ha messo del suo

1
799
foto Aldo Fiorillo

Il coronavirus in questi ultimi mesi ha avuto la funzione (o forse il merito) di togliere a questa Amministrazione il velo di stucchevole buonismo

Lunedì si torna a scuola nella nostra città. Il sindaco Servalli, com’era prevedibile, non ha inteso rinnovare la precedente ordinanza di sospensione dell’attività didattica in presenza.

E’ comprensibile la decisione di Servalli dopo tutti gli attacchi ricevuti in questa settimana, alcuni anche di particolare violenza verbale.

Ora è facilmente prevedibile che il primo cittadino per questa scelta, diciamo “aperturista”, riceverà un bel po’ di critiche dai genitori che invece preferiscono tenere i figli a casa, piuttosto che far correre loro il pericolo di contagiarsi a scuola.

La questione è aperta, nessuno ha la soluzione e la verità in tasca. A dividersi, del resto, sono prima gli esperti, gli scienziati. Si legge e si sente tutto e il contrario di tutto. La confusione è generale. Vale persino con i vaccini. La vicenda del vaccino AstraZeneca è l’esempio lampante di quanta sia smisurata l’incertezza. Siamo al cospetto di una gigantesca babele, inimmaginabile fino a poco tempo fa. E noi, poveri mortali, non possiamo che restare frastornati. Asini in mezzo ai suoni. Oramai in questo bailamme abbiamo perso anche quelle poche certezze che avevamo e prevale il disorientamento.

In altre parole, non essendoci una verità, una certezza, ognuno si regola come meglio crede, ad istinto. Sono quindi comprensibili e valide sia le opinioni di chi è per l’apertura sia quelle di quanti sono per la chiusura delle scuole.

Rassegniamoci. Questa è la situazione. E di certo non possiamo pretendere che un primo cittadino, si chiami Servalli o Rossi, ci dia certezze. Va a tentoni, come tutti noi. Con le stesse preoccupazioni e gli identici timori che ci attanagliano in questa mostruosa pandemia. E con l’inquietudine ingigantita dal ruolo ricoperto e dalle responsabilità che ne derivano.

In un simile contesto, non si possono non condividere le parole dell’assessore comunale alla pubblica istruzione Lorena Iuliano. Da signora qual è, oltre che da sincera democratica, lamenta il fatto che la libertà di opinione, sacra e legittima, non deve “andare oltre i limiti”, per l’uso di taluni espressioni rivolte al sindaco Servalli in una simile circostanza, come  “vergognati” e “non hai dignità”. In effetti, si è andato un po’ troppo oltre quella che è la motivata e comprensibile critica nella diversità di vedute.

Giusto. Una riflessione al riguardo, però, va fatta. E il sindaco Servalli è inviato a farla prima di chiunque altro, visto che è lui più di altri al centro dell’attenzione.

Ci sarebbe da chiedersi, infatti, come mai un sindaco riconfermato pochi mesi fa al primo turno e che sostanzialmente mai era stato attaccato così duramente, oggi è diventato il destinatario di critiche asprissime, sempre più aggressive e a volte persino sopra le righe?

Certo, questa pandemia ha indubbiamente esacerbato gli animi. Inutile negarlo. L’ansia del possibile contagio, i lutti, le restrizioni, le difficoltà economiche e le privazioni di una vita non più normale come lo era poco più di un anno fa, hanno messo tutti a dura prova. Basta poco, anche una contrarietà una volta banale, per provare irritazione ed avere difficoltà nel contenere il più semplice malumore.

Questo è un dato di fatto. A ciò, almeno nella nostra città, si aggiunge la netta sensazione che il sindaco Servalli in questi ultimi mesi non abbia dato una buona prova come guida autorevole e sicura della sua comunità. Più che governare gli eventi, Servalli ha dato l’impressione di esserne travolto. Ha dato dimostrazione, in buona sostanza, di scarsa reattività e fiacchezza.

Sul tema sanitario, poi, è stato un disastro. Il ritardo e la confusione della campagna vaccinale in città è stata la mazzata definitiva. Si obietterà, già sento il coro dei menestrelli di corte, che la responsabilità sanitaria compete nella gestione ad altri. Verissimo, tant’è che, nella vicenda delle vaccinazioni, l’oscar della cattiva gestione riesce difficile assegnarlo.

Sta di fatto, però, che il sindaco non è solo per legge il responsabile della salute dei suoi cittadini, ma è in ogni caso il punto di riferimento della sua comunità. E’ lui che la guida, che la interpreta, che se ne fa portavoce. In ogni caso e in ogni dove. E quindi quando qualcosa non va, non funziona nel modo dovuto, il Sindaco, quello con la s maiuscola, se ne fa carico anche quando non dipende direttamente dalla sua persona.

Il Comune, tanto per capirci, è una trincea. E’ il fronte di ogni problema della comunità. C’è da chiedersi, ma di questo, i collaboratori scelti da Servalli ne sono consapevoli?

Ad ogni modo, il coronavirus in questi ultimi mesi ha avuto la funzione (o forse il merito) di togliere a questa Amministrazione il velo di stucchevole buonismo. E’ stato così svelato quello che finora non si era visto o voluto vedere: l’inettitudine al comando, l’accidia strisciante, la propensione al galleggiamento, l’inclinazione a pasticciare piuttosto che a programmare. Il tutto condito da pressappochismo, scarsa competenza e dubbie capacità.

Insomma, di questi tempi non è facile fare il Sindaco… ma Servalli ci ha messo del suo.

E così, non per incanto ma di conseguenza, sembra essersi da ottobre scorso scoperchiato il vaso di Pandora. E con esso venir fuori tutte le difficoltà e le sviste di Servalli e dei suoi.

A questo punto che dire? Il sindaco Servalli riuscirà a raddrizzare la barra e rimettere nella giusta rotta la barca? Insomma, a recuperare il rapporto con i suoi cittadini e ritrovare il segno del comando?

Chissa? Glielo auguriamo… anche se, come si dice, quando la crema del dentifricio esce dal tubetto, poi è difficile, se non impossibile, rimetterla dentro.

Articolo precedenteCava, lunedì si torna a scuola
Articolo successivoCAVA, IL METEO di ULISSE Nuvolosità irregolare
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.