E’ nato il governo Conte bis

0
31
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Giuramento stamani alle 10. Ventuno i ministri più il sottosegretario alla presidenza, sette le donne. Mattarella: “Governo in base alle indicazioni della maggioranza parlamentare”. Tra le priorità del nuovo esecutivo, stop all’aumento dell’Iva e conti in equilibrio

Il premier incaricato Giuseppe Conte ha sciolto ieri la riserva al Quirinale dinanzi al capo dello Stato Sergio Mattarella e ha ufficializzato i nomi del suo esecutivo: il primo a maggioranza M5s-Pd con il supporto di Leu. Il giuramento avverrà oggi alle 10.

Tra le novità, rispetto al totoministri delle ultime ore, c’è il nome di Nunzia Catalfo al Lavoro, esponente dei 5Stelle che ha contribuito a scrivere il reddito di cittadinanza. Mentre Stefano Patuanelli – finora capogruppo M5S al Senato, andrà allo Sviluppo economico. Quindi due 5Stelle nei dicasteri che erano guidati da Luigi Di Maio che, come noto da ore, andrà agli Esteri. Il ministro dell’Interno sarà invece un “tecnico”, l’ex prefetto di Milano Luciana Lamorgese.

All’Economia andrà il dem Roberto Gualtieri. Alla Difesa Lorenzo Guerini del Partito democratico. Alla Giustizia confermato Alfonso Bonafede. Alle Politiche agricole la renziana Teresa Bellanova. Ai Beni Culturali Dario Franceschini – con competenze anche sul turismo – che era già stato alla guida di questo ministero. Paola De Micheli, attuale vicesegretaria dem, andrà alle Infrastrutture. Roberto Speranza, di Leu, alla Salute. All’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che era viceministro sempre all’Istruzione nel governo gialloverde. Sergio Costa -in quota 5Stelle – è stato confermato all’Ambiente. Federico D’Inca ai rapporti con il Parlamento. Paola Pisano all’Innovazione (era assessore all’Innovazione al Comune di Torino).

Fabiana Dadone alla Pubblica amministrazione. Francesco Boccia agli Affari regionali. Vincenzo Spadafora allo sport. Elena Bonetti, del Pd, alle Pari Oppurtunità. Enzo Amendola agli Affari europei. Il dem Giuseppe Provenzano sarà ministro per il Sud. In tutto 21 ministri più il sottosegretario alla presidenza del Consiglio: nove Pd, 11 Cinquestelle e un tecnico al Viminale. In tutto sette le donne. Sono state ore convulse per trovare prima la quadra sul programma, poi sulla lista dei ministri. Unica casella su cui c’è stato un duro scontro nelle ultime ore quella del sottosegretario a Palazzo Chigi: una “battaglia” vinta dal cinquestelle Riccardo Fraccaro, esponente vicino a Di Maio.

“Forti di un programma che guarda al futuro – ha detto il premier – indicheremo con questa squadra le nostre migliori energie, le nostre competenze, la nostra più intensa passione a rendere l’Italia migliore nell’interesse di tutti i cittadini da Nord a Sud”. Stop ai rialzi Iva, sociale e istruzione, misure espansive per una “solida prospettiva di crescita e di sviluppo sostenibile”, senza “mettere a rischio l’equilibrio dei conti”. Queste le priorità indicate dal governo nel suo programma. Le priorità della nuova legge di Bilancio saranno: “la neutralizzazione dell’aumento dell’Iva, le misure di sostegno alle famiglie e ai disabili, il perseguimento di politiche per l’emergenza abitativa, le misure di deburocratizzazione e di semplificazione amministrativa, il rafforzamento degli incentivi per gli investimenti privati, nonché l’incremento della dotazione delle risorse per la scuola, per l’università, per la ricerca e il per il welfare”, si legge nel documento con le linee programmatiche.

“Tutte le previsioni saranno comunque orientate a perseguire una politica economica espansiva, in modo da indirizzare il Paese verso una solida prospettiva di crescita e di sviluppo sostenibile, senza mettere a rischio l’equilibrio di finanza pubblica”, si aggiunge nel testo. (fonte Confcommercio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.