Rossana, la rossa italiana

0
223

Negli ultimi anni molti marchi noti del made in Italy sono stati venduti ad aziende straniere. Succede, però, che alcuni ritornano in mano italiana. E’ il caso delle caramelle Rossana, famosa per il suo incarto rosso, che tornano ad essere di proprietà italiana grazie ad un’azienda piemontese di Asti acquistandole dalla Nestle. La Rossana, inventata dall’imprenditrice della Perugina Luisa Spagnoli (la stessa che aveva inventato il Bacio),  è uno dei simboli del made in Italy alimentare ed è il terzo marchio di caramelle più venduto nel nostro Paese. Insomma, la nostra economia è più vitale di quanto si creda, senza poi considerare che si possono comprare i marchi ma non la creatività, l’inventiva di un popolo, che i marchi reggono fin quando tiene la capacità degli uomini che lavorano per la sua crescita e, infine, che per ogni marchio venduto all’estero altrettanti ne possono essere creati di nuovi. (foto Giovanni Aremenante) 

Articolo precedentePartito il XXVII “Città di Cava de’ Tirreni”, Gianluigi Donnarumma la “star” della serata
Articolo successivoCome sarebbe l’Italia senza immigrati?
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.