Juncker vs Renzi

0
122

C’è tensione tra Italia e Europa. Il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, invita Renzi a non vilipendere il lavoro del governo europeo, di contro, il nostro premier risponde che è alla guida di un grande Paese meritevole di rispetto e che è finito il tempo in cui si andava a Bruxelles con il cappello in mano. La verità è che Juncker deve mediare ogni giorno tra quanti vogliono l’austerità e chi, invece, com’è il nostro caso, vuole meno rigidità e più risorse da investire in sviluppo e occupazione. Due considerazioni, però, vanno espresse. Renzi, come non accadeva da tempo, si agita e magari va anche sopra le righe nel cercare di fare il più possibile gli interessi dell’Italia e, di conseguenza, della sua azione di governo. La seconda, in un’Europa zeppa di euroscettici e in cui ad ogni elezioni nei diversi Stati membri crescono sempre più le forze politiche anti-Unione, Juncker farebbe bene a preoccuparsi di altro piuttosto che bacchettare Renzi. (foto Giovanni Armenante) 

Articolo precedenteCava, il Comune avvia il monitoraggio della qualità dell’aria e dell’acqua
Articolo successivoA colloquio con l’ex sindaco Marco Galdi: “Servalli non ha una strategia di sviluppo”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.