In Russia un nuovo sport: picchiare la moglie

0
162

La Duma, il Parlamento russo, ha approvato la proposta di legge che depenalizza  i “maltrattamenti in famiglia” declassandoli a illecito amministrativo, punibili quindi con una multa. E’ singolare che ciò avvenga proprio in Russia che, a quanto pare, è il Paese dove si contano il maggior numero di donne uccise in famiglia. Su 143 milioni di abitanti, nel 2010 sono state 14 mila le donne uccise da parenti o mariti. In Italia, giusto per fare un raffronto, nel 2013 si sono registrati 179 casi di donne uccise. Negli Stati Uniti, che ha una popolazione di oltre 300 milioni di abitanti, le donne uccise in un anno sono attorno al migliaio. In conclusione, in Russia il femminicidio è uno sport molto praticato. Di questo passo, diventerà lo sport nazionale. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteSVALUTATION Meno male che la Consulta c’è
Articolo successivoIstat: a gennaio in calo la fiducia dei consumatori, migliora quella delle imprese
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.