I nuovi esodi biblici

0
123

Ieri, nel corso della Giornata mondiale dei rifugiati, il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha annunciato che, alla fine dello scorso anno, si contavano  oltre 65 milioni gli sfollati nel mondo, il 9,7% in più rispetto al 2014. E’ una cifra impressionante: per la precisione sono 21,3 milioni i rifugiati, 3,2 milioni le persone in cerca di asilo e 40,8 milioni gli sfollati all’interno del proprio paese. Lo scorso anno oltre un milione di rifugiati e migranti sono arrivati in Europa attraverso il Mediterraneo, di cui migliaia sono morti. Questi numeri dimostrano come il problema non può essere illusoriamente risolto chiudendo le frontiere. Occorre, invece, che la comunità internazionale si faccia carico, nel limite del possibile, di intervenire e pacificare laddove ci sono guerre e persecuzioni. Insomma, bisognerebbe che l’Onu faccia l’Onu, ovvero sia messo in grado, soprattutto dalle grandi potenze, di svolgere la sua funzione pacificatrice nel mondo. Solo in questo modo si potrà, se non del tutto, fortemente limitare questi veri e propri esodi biblici con il loro carico di tragedie e di sofferenze. Per ora, però, anche ciò resta solo una pia illusione. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteSalerno, premiati i vincitori della XXVI edizione del “Trittico del Sole” allo Yachting Club
Articolo successivoCetara, stasera concerto finale del progetto “Musica in Formazione”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.