I contratti milionari della Rai

0
226

Il consiglio di amministrazione della Rai ha dato l’ok alle deroghe al tetto di 240 mila euro ai compensi previsto dalla legge. Il piano prevede comunque un taglio di almeno il 10% rispetto alle cifre attuali e la decurtazione cresce con il salire degli importi. Ora potranno così essere firmati i nuovi contratti per Fabio Fazio, Alberto Angela, ma anche per Antonella Clerici, Carlo Conti, Flavio Insinna, Michele Guardì e Bruno Vespa. Tutto il rispetto per questi signori, ma la Rai ha scelto di privilegiare una casta e di agire “contra legem”. E’ questo vale fino a quando sarà una pubblica azienda e fintantoché gli italiani saranno costretti a pagare il canone televisivo. Inutile invocare le leggi di mercato, le quali valgono sempre, e non solo quando c’è da spendere, ma soprattutto quando si incassano i quattrini dei contribuenti. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteEboli, gli appuntamenti di domani per la festa di San Vito
Articolo successivoSanità campana, M5S: “Cambiare subito la legge sulle nomine dei vertici nella sanità”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.