Carcere per i reati contro gli animali

0
100

Pene più dure per i reati contro gli animali. A prevedere con una  proposta di legge che ci sia la prigione e non la solo multa per chi abbandona, abusa, vende illegalmente o uccide gli animali, sono due deputati del M5S. Attualmente è prevista la pena della reclusione, da 3 a 18 mesi, oppure  la multa da 5mila a 30mila euro. L’obiettivo della nuova proposta di legge è quello di impedire che la pena detentiva possa essere commutata in pecuniaria, prevedendo anche l’attivazione di percorsi rieducativi, ad esempio, imponendo di prestare servizi in un canile. E’ scontato che, come per altre situazioni, la soluzione al problema sia molto legata anche alla cultura e alla sensibilità delle persone, tuttavia, una legge più severa in materia, con la previsione di adeguati percorsi rieducativi, è più che auspicabile. Non resta che sperare, al di là delle distinzioni politiche, che sul tema si trovi in Parlamento la necessaria maggioranza. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteCava, la Regione Campania finanzia con 130 mila euro il progetto “Le Corti dell’Arte Festival”
Articolo successivoDa oggi al Ravello Festival 2016 brilla la tre giorni di Dimitris Papaioannou
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.