PILLOLE DI STORIA NOCERINA L’Ospedale psichiatrico consortile Vittorio Emanuele II

0
116

Proseguiamo la lettura delle “Pillole di Storia Nocerina”, scritte da Angelo Verrillo, la cui precedente puntata è stata pubblicata il 14 novembre 2021, occupandoci dell’Ospedale Psichiatrico Consortile Vittorio Emanuele II, riportando dalla pubblicazione la storia della sua creazione.

Fatti e date di Angelo Verrillo

La data e l’evento di cui ci occuperemo in questa occasione, riguardano un argomento che meriterebbe molto più spazio e svariati altri approfondimenti: la creazione nella nostra città dell’Ospedale Psichiatrico consortile Vittorio Emanuele II.

Pur avendo precisato fin da subito lo scopo di queste mie riflessioni, sento la necessità di ribadire che non ho la presunzione di affrontare nella loro complessità i singoli argomenti: impresa, tra l’altro, impossibile da raggiungere attraverso la stesura di una scheda sintetica.

Ben più modestamente, mi propongo di illustrare le conseguenze che quelle date e quei fatti determinarono, a mio avviso, sullo sviluppo della nostra comunità.

31 dicembre 1883 – inizio dell’attività dell’Ospedale Psichiatrico Vittorio Emanuele II

Nella seconda metà dell’800, il Manicomio di Aversa (Real Casa dei Matti di Aversa) ospitava malati provenienti da tutto il meridione e, a causa del suo sovraffollamento, era considerato l’Ospedale psichiatrico più grande d’Europa.

Nel novembre del 1882 il dott. Federico Ricco, ex Direttore dell’Ospedale della Pace di Napoli, che da tempo si adoperava per aprire un nuovo Ospedale, ottenne in concessione l’ex Convento degli Olivetani e iniziò i lavori per adibirlo allo scopo.

Nello stesso periodo il dott. Ricco riuscì anche a consorziare le province di Avellino, Bari, Campobasso, Foggia e Salerno allo scopo di garantire l’accoglienza ai malati provenienti da quelle province. Il primo Statuto dell’Ospedale risale al 5 febbraio del 1884, mentre il Contratto di Concessione delle Province venne sottoscritto il giorno dopo: il 6 febbraio 1884.

Sebbene all’inizio della sua attività l’Ospedale potesse accogliere 500 ammalati, ben presto si rivelò insufficiente e il dott. Ricco decise di trasferire una parte dei malati nell’edificio adiacente la Basilica di Materdomini, che anni prima gli era stata donata dal “Fondo per il Culto”. Fu così che la “Casa di Cura Privata Materdomini” divenne succursale dell’Ospedale di Nocera.

Proprio a Materdomini venne internato anche l’anarchico Carlo Cafiero, che vi finì i suoi giorni il 17 luglio 1892. Nato a Barletta il 1° settembre 1846, nel suo peregrinare per l’Europa aveva anche frequentato Karl Marx e Friedrich Engels, divenendo il primo divulgatore del Capitale di Marx. Nel 1872 ruppe con il comunismo marxista, si accostò al comunismo anarchico e ne fu tra i principali esponenti, insieme ad Andrea Costa e Errico Malatesta.

Per quanto riguarda l’impatto economico, sociale e culturale di questa Istituzione, mi limito a poche osservazioni.

In primo luogo, faccio notare che, per oltre un secolo, l’Ospedale Psichiatrico è stato, insieme alle MCM, il luogo di lavoro più importante della Città: infatti, già ai primi del 900, queste due strutture davano lavoro a circa 3.000 persone.

Inoltre, il carattere Consortile dell’Ospedale Psichiatrico ha portato nella nostra città centinaia di lavoratori da altre province, in particolare da Cosenza e dalla Calabria. Dopo la riforma sanitaria del ’68 (voluta dal Ministro Mariotti), negli anni tra il ’71 e il ’74, a Nocera trovarono lavoro circa 200 calabresi. Molti di loro vivono ancora con noi e concorrono fattivamente alla vita civile e culturale della nostra comunità. Tra loro voglio ricordare i miei carissimi amici Franco Peta e Giovanni Minardi (che ringrazio per la preziosa collaborazione).

Mi sono dilungato più del dovuto ma non posso esimermi da un’ultima considerazione.

Grazie alla presenza dell’Ospedale Psichiatrico, Nocera fu anche al centro del grande dibattito culturale e scientifico che portò alla Riforma Basaglia e alla definitiva chiusura dei Manicomi.

A quella conquista di civiltà contribuirono anche eminenti studiosi che hanno speso la loro vita per migliorare le condizioni di cura e di esistenza dei malati: tra questi, il Prof. Sergio Piro che, agli inizi degli anni ‘70, diresse l’Ospedale di Materdomini riuscendo a migliorare notevolmente il disumano trattamento fino ad allora riservato a quegli ammalati.
Infine, non per importanza, un cenno alla vita e all’opera di Marco Levi Bianchini.

Figlio primogenito di un banchiere ebreo, Bianchini, nato a Rovigo il 28 agosto 1875, giunse per la prima volta a Nocera nel 1909. Nel 1924 si trasferì a Teramo, dove concorse alla fondazione della “Società psicoanalitica italiana”, per poi tornare nella nostra città nel 1931.

Marco Levi Bianchini era favorevole al fascismo e lo sostenne fino a fondare la casa del fascio nella nostra città, insediandola proprio nei locali dell’attuale Biblioteca Comunale.

Ciò nonostante, dopo l’emanazione delle Leggi Razziali, fu destituito dall’incarico di Direttore dell’Ospedale Psichiatrico. Neppure dopo quell’ingiusto trattamento lasciò la nostra città, a differenza di molti suoi familiari che emigrarono negli USA.

Per il regime fascista, che molti, ancora oggi, ritengono abbia fatto anche cose buone, si era reso responsabile di due reati gravissimi durante il ventennio: era nato da genitori ebrei ed aveva diffuso le idee di Freud e della psicoanalisi. (5 – continua)

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.