FISCO & LAVORO Gli incapienti: chi sono e quanti sono

0
702

Sono circa otto milioni di italiani che non riescono a sfruttare le detrazioni Irpef, a causa dell’incapienza dell’imposta, lasciando sul tavolo circa 7 miliardi e 250 milioni di detrazioni perse. Il quadro degli “incapienti” è tracciato dai commercialisti attraverso un analisi fatta dalla FNC.

Questa categoria di contribuenti (gli incapienti), include sia pensionati, sia lavoratori autonomi, ed anche lavoratori dipendenti ed inoltre include anche i “totalmente incapienti”, ovvero quelli che non sfruttano un euro di detrazione né per carichi di famiglia, né per spese ed oneri, ed i parzialmente incapienti, soggetti che riescono a sfruttare solo alcune detrazioni per carichi di famiglia o per spese ed oneri.

Al primo gruppo appartengono circa 750 mila persone, tra cui 246 mila con un figlio a  carico, 72 mila con coniuge con più figlio, 174 mila con due figli, 72 mila con coniuge con due figli ed oltre 101 mila con tre o più figli a carico.

Invece, sono oltre due milioni e trecentomila, i contribuenti che per incapienza dell’imposta non riescono a sfruttare le tante detrazioni previste per spese ed oneri, accedendo solo in parte a quelle per i familiari a carico. La restante parte è composta da coloro, che pur sfruttando per intero le detrazioni per carico di famiglia, perdono almeno una parte di quelle spettanti per oneri e spese.

Il tema centrale che emerge è quello dei carichi di famiglia. E’ logico che le detrazioni per i redditi di lavoro, abbiano al massimo il compito di azzerare l’ imposta dovuta, così come è ragionevole che le detrazioni per oneri e spese facciano altrettanto. Per i carichi di famiglia l’incapienza non appare ne logica né ragionevole e forse sarebbe opportuno concentrare e rafforzare l’aiuto al “fattore famiglia” sul versante dei trasferimenti, come per il meccanismi degli assegni al nucleo familiare, piuttosto che su quello delle detrazioni d’imposta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.