CINEMA 2020: Il Cinema al potere

0
74

Alcuni anni fa in un’intervista televisiva Robin Williams raccontò, a proposito dell’enorme successo riscosso da “L’attimo fuggente”, di aver incontrato, per strada, dopo alcuni anni, un uomo a lui sconosciuto che l’abbracciò, lo ringraziò e gli disse di aver cambiato la propria vita dopo aver visto il film licenziandosi, divorziando e cambiando città.

Come non credere al compianto attore, infatti, il Cinema, la settima e più profonda forma d’arte, è un mezzo d’espressione capace di sintetizzare le arti dello spazio e del tempo; la musica con la letteratura e le immagini; le parole con le note musicali, la luce e i colori, avvolgendo e coinvolgendo lo spettatore sotto il profilo emotivo, attraverso la vista, l’udito, la mente di ciascuno suscitando reazioni anche molto diverse da persona a persona.

Il risultato delle produzioni cinematografiche è potente, anzi potentissimo, e la reazione di quell’uomo ad un film come “L’attimo fuggente” è quanto mai comprensibile, non può meravigliare; così come non può sorprendere, oggi, la rievocazione storica intorno alla figura di Bettino Craxi, dirompente in questo mese di gennaio, proprio a seguito dell’uscita nei cinema del film Hammamet.

Non possono, poi, destare stupore le polemiche su “Tolo Tolo” di qualche giorno fa in Italia e quelle in America su “Richard Jewell”, che torna a far interrogare gli U.S.A., su una pagina storica tormentata, e troppo presto dimenticata, come quella del terrorismo interno. Non può sorprendere,  ancora, come alla prossima cerimonia degli Oscar sia “Jojo Rabbit”, nuovamente un film sulla Germania nazista e l’olocausto, ad aver fatto incetta di nomination, tornando su un tema già più volte premiato ad Hollywood, con “Schindler’s List” e “La vita è bella”.

Benché vissute sulla propria pelle, infatti, la Storia  e le vite di ognuno, quando finiscono sul grande schermo, rivivono, le ferite tornano a sanguinare, le polemiche tornano a montare, le menti a ragionare, gli umori ad indignarsi; è la potenza del cinema come arte sociale, facilmente accessibile e alla portata di tutti. Oggi, poi, nell’era dei social media il potere del cinema diventa quanto mai dirompente, divisivo, evocativo, considerando l’effetto moltiplicatore di quell’enorme grancassa a disposizione di ciascuno rappresentata dai social network.

Quindi, ancora in questo gennaio 2020, alba di un nuovo decennio, andare al cinema continua ad essere appuntamento fondamentale per avvicinare l’uomo all’arte e farlo migliore per cultura, intelletto e senso del bello, nonché per elevare il proprio spirito: il potere dell’arte, da non confondere col potere al servizio dell’arte, sua squallida degenerazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.