Cava, sarà davvero la svolta buona?

0
118

Da ieri Enzo Servalli è il nuovo sindaco di Cava de’ Tirreni. Gli auguri, sinceri e calorosi, sono d’obbligo. In fondo, essere primo cittadino è sì un onore e un privilegio per chiunque, e più ancora lo è per chi si dedica alla politica e alla gestione della cosa pubblica, ma è anche un pesante fardello di responsabilità, preoccupazioni, impegni.  E gli auguri, in ogni caso, non possono che essere interessati per qualsiasi cittadino, nel senso che una buona, solida, efficiente amministrazione, va a beneficio dell’intera comunità, a prescindere dalle opinioni, preferenze e appartenenze di ciascuno.

Detto questo, il clima festoso di questi giorni e la luna di miele con la città sono destinati in breve tempo a finire. il sindaco Servalli, infatti, nelle prossime ore sarà chiamato a compiere delle scelte delicate che influiranno fin da subito sul suo operato. Le prime riguarderanno la formazione della giunta municipale e la nomina del suo staff di collaboratori. Inevitabilmente cominceranno le prime critiche e magari anche qualche dissapore più o meno pubblico. E’ nell’ordine delle cose e Servalli non dovrà né preoccuparsene né lagnarsi più di tanto. Quel che deve interessargli è la qualità delle persone, ma più ancora la loro funzionalità al suo disegno politico-amministrativo e la loro propensione al gioco di squadra.

In effetti, già da qualche giorno impazza sulla stampa il toto-assessori, mentre, allo stesso tempo, s’insinua che le scelte di Servalli saranno condizionate fortemente dai debiti politici da lui contratti in campagna elettorale. Molto probabilmente ci sarà pure del vero, tuttavia, la politica è fatta di equilibri, di accordi, in qualche caso anche di compromessi. L’abilità sta proprio in questo: dal contrasto di interessi far venir fuori le migliori scelte possibili. Insomma, il sindaco Servalli, come chiunque altro al suo posto e in qualsiasi parte del mondo, non potrà scegliere in assoluta libertà, ma dovrà tener conto di più fattori e circostanze. L’importante è scegliere non in assoluto il meglio, ma ciò che è più utile e funzionale.

Poi, una volta sistemata la sua compagine di governo, dovrà affrontare i problemi amministrativi. Il primo nodo che pare il neo sindaco voglia affrontare è quello della revisione della spesa. E’ indubbiamente il punto programmatico più spinoso, ma anche quello che potrà dare una svolta all’amministrazione e più ancora costituire un segnale concreto per lo sviluppo della città.

Appare evidente, per la difficile situazione economica che in generale vive il Paese e per le specificità della crisi nella nostra realtà, che quello di ridurre le spese e alleggerire il prelievo fiscale per le imprese e per le famiglie metelliane, è un obiettivo difficilissimo da conseguire anche nel breve e lungo periodo, ma vitale per l’economia cittadina. Vorrà dire mettere a regime la macchina comunale e creare efficienza, eliminare gli sprechi, qualificare la spesa. Significa, tanto per essere chiari con un esempio concreto, abbattere i costi della raccolta e dello smaltimento rifiuti, che hanno ormai raggiunto cifre eccessive e insostenibili per il tessuto produttivo e le famiglie cavesi. Questo, però, significa andare a toccare interessi consolidati, non solo cattive abitudini. In altri termini, farsi un bel po’ di nemici e superare notevoli resistenze.

In conclusione, il sindaco Servalli, al quale vanno riconosciute onestà e doti di equilibrio e sobrietà, se davvero vuole rappresentare la “svolta buona” ne avrà di lavoro da fare. Certo, gli vanno dato tempo e sostegno, ma la direzione la dovrà indicare lui e da subito. E ci vorrà coraggio, molto coraggio, e determinazione.

In bocca al lupo, sperando che crepi!

Articolo precedenteRoma, ottanta artisti per festeggiare i 60 anni del Villaggio Unrra Casas a San Basilio
Articolo successivoCava, lettera aperta di Cava5stelle al sindaco Servalli per ricordargli l’impegno per i “rifiuti zero”
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.