Cava, Ospedale S. M. dell’Olmo: il reparto di Ortopedia in carenza di personale

0
248

I consiglieri di Siamo Cavesi chiedono l’intervento del Sindaco

 

La situazione in cui versa il reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Santa Maria Incoronata dell’Olmo sta diventando insostenibile. La carenza di medici, ormai cronica, è aggravata dalla recente perdita di ulteriori 2 unità per ragioni differenti.

A lanciare l’allarme sono i consiglieri comunali di Siamo Cavesi, Raffaele Giordano, Marcello Murolo e Vincenzo Passa in una lettera inviata al sindaco di Cava, Vincenzo Servalli, e all’assessore alla Salute, Armando Lamberti.

“Attualmente – scrivono nella nota – presso la struttura prestano servizio 4 ortopedici di cui solamente 3 eseguono attività operatoria e reperibilità per le urgenze. Tale numero è sicuramente insufficiente per assicurare il corretto funzionamento del reparto e la normale turnazione. Abbiamo già più volte portato alla vostra attenzione questo problema, ma ad oggi non è ancora arrivata alcuna soluzione dalla direzione aziendale del “Ruggi”. In passato i nostri ortopedici, durante periodi eccezionali, hanno garantito la copertura di turni anche presso l’ospedale di Salerno, ma ora che a vivere una situazione di difficoltà è l’ospedale di Cava nessuno ha pensato di riproporre la stessa soluzione a parti invertite”.

Il gruppo consiliare di Siamo Cavesi sottolinea il fatto che il reparto di Ortopedia e Traumatologia è fondamentale per rispondere alle emergenze-urgenze che al pronto soccorso sono ricorrenti, soprattutto nei mesi estivi. Ogni anno – evidenziano – presso l’ospedale di Cava, vengono eseguiti quasi 600 ricoveri, la maggior parte per attività chirurgica, ed effettuate circa 6000 prestazioni ambulatoriali.

“L’Ortopedia del nostro Ospedale è in grado di eseguire tutte le procedure chirurgiche, sia “open” che in “scopia” e riceve la maggior parte dei casi traumatologici che ricorrono al pronto soccorso del presidio ospedaliero di Castiglione di Ravello. Attualmente – denunciano i consiglieri – è impossibile smaltire la lista di attesa, già rimasta ferma per ben 8 mesi a causa della chiusura del reparto di Rianimazione”.

“Pertanto -conclude la nota indirizzata al Primo cittadino metelliano – nel sensibilizzare e sollecitare la S.V., si fa appello anche ai Sindaci e agli Amministratori della Costiera Amalfitana, affinché si individui, insieme alla Direzione Generale dell’Azienda “Ruggi”, una soluzione del problema in tempi brevissimi, tutto ciò a tutela della salute dei cittadini cavesi e del comprensorio amalfitano e di quanti, in questi mesi, si recano in vacanza nel nostro territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.