Cava, il reparto di Rianimazione si avvia alla chiusura

0
1367

In un silenzio assordante il reparto di di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Santa Maria Incoronata dell’Olmo di Cava de’ Tirreni perde personale medico e sanitario.

Ad oggi, dopo che un medico del reparto è risultato positivo al  Sars-CoV-2 e un altro è in attesa di conoscere il risultato del tampone che gli è stato effettuato, sono rimaste sette unità operative. Il reparto è stato sottoposto a sanificazione, tutti i pazienti sono stati trasferiti altrove e i ricoveri bloccati.

In verità, già nelle scorse settimane quattro medici, dei dodici operativi alla Rianimazione metelliana, sono stati trasferiti in altri plessi ospedalieri. Come se ciò non bastasse, è stato disposto il trasferimento dal 1° novembre di altre due unità mediche, una al “Da Procida” di Salerno e un’altra al Presidio Ospedaliero di Castiglione di Ravello, lasciando di fatto al reparto di Rianimazione di Cava soltanto cinque medici.

“Con solo cinque unità operative non possiamo assolutamente tenere in piedi la Rianimazione e le sale operatorie – ci riferisce un medico dell’Ospedale – già in otto era allucinante, in cinque è impossibile”.

Un reparto ridimensionato e sotto organico è, ad oggi, quello di Anestesia e Rianimazione a Cava.

Quale sarà il suo destino dopo il 1° novembre?

Secondo alcune voci che circolano insistentemente tra i corridoi del nosocomio sembra che sarà prevista la figura di un rianimatore di guardia per le urgenze, mentre i pazienti che avranno bisogno dei Rianimazione verranno trasferiti in altri plessi ospedalieri.

Di fatto, il reparto cavese cesserebbe di essere operativo. E’ solo questione di giorni.

Articolo precedenteCava, lutto Mignone
Articolo successivoCava, una sanità di serie B
Diplomata al liceo classico, ha poi continuato gli studi scegliendo la facoltà di Scienze Politiche. Giornalista pubblicista, affascinata da sempre dal mondo della comunicazione, collabora con la rivista Ulisse online sin dalla sua nascita nel 2014, occupandosi principalmente di cronaca politica e cultura. Ideatrice, curatrice e presentatrice di un web magazine per l'emittente web Radio Polo, ha collaborato anche col blog dell'emittente radiofonica. Collabora assiduamente anche con altre testate giornalistiche online. Nel suo carnet di esperienze: addetto stampa per eventi e festival, presentazione di workshop, presentazioni di libri e di serate a tema culturale, moderatrice in incontri politico-culturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.