Cava, finalmente ricompaiono… le strisce pedonali!

0
453

Habemus papam: finalmente ritrovati pennello e vernici è partito il rifacimento delle strisce pedonali in città.

E’ stato, infatti, con grande meraviglia e apprezzamento che ieri, passando per Corso Mazzini, abbiamo notato che agli incroci sono ricomparse sul manto stradale le strisce pedonali. Confessiamo che ci siamo quasi emozionati a tale visuale, accecati, quasi abbacinati, dal bianco candore della fresca vernice sull’asfalto.

La segnaletica orizzontale a Cava de’ Tirreni è carente se non addirittura inesistente in alcune zone, consunta dall’usura del tempo, con gravi pericoli sia per i pedoni che per gli automobilisti. Finalmente il governo cittadino di Servalli si è accorto della scandalosa situazione e ha dato luogo a procedere con i lavori di rifacimento delle strisce zebrate, oramai sbiadite dal tempo e quasi del tutto scomparse, dopo che nelle scorse settimane la Metellia Servizi aveva provveduto a rinfrescare le strisce blu in alcune zone della città.

In altre parole, una situazione a dir poco disdicevole che non è sfuggita allo stesso Primo cittadino metelliano, Vincenzo Servalli, che in un’intervista a Ulisse online, su nostra sollecitazione, ha ammesso che la segnaletica stradale è l’abc di un’ordinaria amministrazione.

Insomma, come si dice, tanto tuonò che piovve. Dopo aver denunciato sul nostro giornale questa imbarazzante circostanza che non dava di sicuro una buona immagine dell nostra città, finalmente è iniziato questa operazione di riverniciatura.

Ci auguriamo solo che ora il lavoro cominciato venga portato avanti fino in fondo, con la realizzazione di apposita segnaletica orizzontale anche davanti alle scuole e nei posti di maggiore presenza di pedoni che, come abbiamo segnalato in più di un articolo con numerose e ripetute sollecitazioni, necessitano urgentemente di un’opera di restyling con sistemazione ex novo o ripristino dell’esistente. E magari anche nelle frazioni che lamentano a gran voce, ma anche a ragione, di essere abbandonate nell’incuria, per essere ricordate soltanto nel periodo pre-elettorale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.