Cava, emergenza sicurezza: il sindaco Servalli incontra il Prefetto

0
1175
Emergenza furti a Cava de’ Tirreni e il sindaco Vincenzo Servalli chiede aiuto al prefetto Francesco Russo. L’incontro tra i due so terrà questa mattina, congiuntamente con il Comitato Ordine Pubblico e Sicurezza (Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Locale).
“Sarà un confronto per definire le azioni da portare avanti insieme alle Forze dell’Ordine – ha anticipato ieri il Sindaco nel corso del Consiglio comunale – l’obiettivo è quello di un maggiore impiego delle Forze dell’ordine in questo periodo estremamente delicato”.
Le intrusioni nelle abitazioni dei cavesi e i furti sono sempre più ravvicinati in queste ultime settimane. Ogni giorno giungono segnalazioni di tentativi di effrazione in diverse zone della città. È diventato oramai un bollettino quotidiano. È chiaro che vanno decise misure di contenimento, azioni e provvedimenti da affiancare ai controlli a tappeto che le varie pattuglie stanno effettuando in città.
La zona est della città è quella maggiormente colpita, ma anche il centro cittadino non è esente dalle incursioni dei topi di appartamento. Le ultime notizie parlano del tentativo,sventato, di scassinare la porta blindata di un appartamento su corso Principe Amedeo dove ha sede un’associazione che si occupa di disturbi dello spettro autistico. E’ accaduto l’altra sera intorno alle 23,30. I vicini hanno sentito dei rumori sospetti ed hanno allertato la Polizia di Stato che è prontamente giunta sul posto, ma purtroppo i delinquenti erano già scappati. 
I malviventi, pare, agiscano anche di giorno ultimamente poiché alcune segnalazioni, ieri pomeriggio, hanno parlato di delinquenti, probabilmente armati, che sotto il solleone sono stati messi in fuga mentre si trovavano nei poderi di San Giuseppe al Pennino.
Il sindaco Servalli ha poi puntato il dito contro il servizio delle ronde autogestito dai cittadini. “Le ronde dei cittadini sono percolose per i cittadini stessi – ha sottolineato durante l’assise comunale – non è questa la strada giusta da percorrere; è un lavoro che va fatto da chi è preparato in tal senso”.
“I cittadini siano prudenti – ha concluso – sono sicuro che insieme riusciremo a debellare il fenomeno e tornare alla normalità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.