“Cava dice BASTA”, petizione del “Coordinamento civico per Cava” contro Autostrade Meridionali S.p.A.

0
435

Il “Coordinamento Civico per Cava” informa che, nelle giornate di sabato 9 novembre e domenica 17 novembre prossimi, dalle ore 9:00 alle ore 21:00, in Piazza Duomo a Cava de’ Tirreni sarà allestito un gazebo presso il quale i cittadini che lo vorranno potranno sottoscrivere – unitamente ai primi firmatari, avv. Dante Santoro (Consigliere Provinciale di Salerno), arch. Antonio Palumbo e prof. Marco Galdi (Consiglieri Comunali di Cava de’ Tirreni) – la petizione popolare “Cava dice BASTA”, finalizzata a richiedere all’Amministrazione Comunale in carica e, in special modo, al Sindaco, dott. Vincenzo Servalli di avviare azioni legali nei confronti di Autostrade Meridionali S.p.A., per ottenere:  la condanna della Società a restituire quanto guadagnato senza giusta causa, gravando gli utenti non muniti di telepass di un pedaggio dal costo esorbitante, pari a 2,10 euro per tratta Cava de’ Tirreni – Salerno e Salerno – Cava de’ Tirreni, anziché di 1,00 euro; oltre la condanna di Autostrade Meridionali S.p.A. al risarcimento per reiterato danno alla salute dei cittadini derivante dalla mancata predisposizione delle barriere fonoassorbenti nel tratto densamente abitato che attraversa la città di Cava de’ Tirreni, in uno alla condanna della stessa Società alla immediata realizzazione di dette barriere dell’altezza non inferiore a 4 m, come da decisione della Corte di Cassazione, seconda sezione civile, n. 28893/2018;

Inoltre, di impegnarsi nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti affinché, in attesa che venga ripristinato il normale transito dei mezzi pesanti (superiori a 7,5 tonnellate) sulla tratta autostradale in questione, Cava de’ Tirreni – Salerno e viceversa, si ottenga la sospensione del pagamento del pedaggio, per non gravare eccessivamente la viabilità ordinaria, compromettendo ulteriormente la qualità dell’aria nel territorio comunale di Cava de’ Tirreni;

In ultimo, di istituire un apposito Tavolo tecnico, grazie al quale possano essere messe in campo tutte le azioni necessarie a tutela della comunità cavese, consentendo, in uno, ai firmatari di codesta petizione, rappresentati da un apposito Comitato civico, di partecipare alle riunioni e alle deliberazioni del medesimo Tavolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.