Cava, alla scuola media Trezza i “Gruppi genitori” del progetto P.I.P.P.I.

0
664

 

Il Piano di Zona Ambito S2 informa che – a breve- partiranno i “gruppi genitori”, organizzati nell’Ambito del Progetto P.I.P.P.I., Programma di Intervento per la Prevenzione dell’Istituzionalizzazione, allo scopo di fronteggiare la sfida di ridurre il numero dei bambini allontanati dalle famiglie.

Il Programma al quale l’Ambito S2 aderisce, nasce nel 2010 in collaborazione tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed il Laboratorio di Ricerca e Intervento in Educazione Familiare dell’Università di Padova.

Presso la scuola media Trezza di Cava de’ Tirreni, l’Istituto comprensivo Amalfi-Conca dei Marini, ed il Duomo di Ravello, tra settembre ed ottobre si svolgerà un ciclo di incontri con i genitori.

Tutela del minore e sostegno alla genitorialità, gli ambiti su cui si lavorerà, mentre le tematiche saranno proposte di volta in volta proprio dai partecipanti agli incontri.

Il dispositivo “gruppi genitori” ha come obiettivo l’organizzazione di momenti di confronto e aiuto reciproco fra genitori che potranno incontrarsi periodicamente.

L’intento quest’anno è di allargare la partecipazione anche a gruppi formatesi in altre agenzie educative e quindi non esclusivamente nel contesto scolastico. Sono stati infatti invitati a collaborare con il Centro Servizi Famiglia anche alcuni parroci della Diocesi Amalfi-Cava de’Tirreni che hanno accolto positivamente l’iniziativa.

Gli incontri dei Gruppi Genitori proseguiranno anche in altri istituti scolastici e parrocchie dell’Ambito  Cava-Costiera amalfitana.

Articolo precedenteCava, è un trionfo keniano alla 56ª “Podistica San Lorenzo”
Articolo successivoCava, aperte le domande per il trasporto scolastico alunni disabili
Sono un giornalista e mi occupo di comunicazione pubblica in un Piano sociale di Zona. Amo leggere, sono appassionata del mare e nei miei consumi culturali ci sono il cinema, la musica e i beni artistici. Sono il presidente dell’Associazione Comunicazione&Territorio che pubblica Ulisse on line e organizza da undici edizioni la rassegna letteraria Premio Com&Te, che rappresenta, tra l'altro, un momento di confronto tra giovani studenti e scrittori del panorama letterario italiano. Ho collaborato per molti anni con testate giornalistiche a diffusione locale e regionale, quali Confronto, l’Opinione, il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, e curato uffici stampa ed attività di comunicazione pubblica ed istituzionale presso comuni, aziende pubbliche ed il Conservatorio statale Martucci di Salerno. Ho insegnato teoria e tecnica della comunicazione presso alcuni istituti superiori della provincia di Salerno. Seguo con grande attenzione le evoluzioni della comunicazione pubblica in Italia ed in particolare il gruppo dell’Associazione #PASocial. Credo che la Pubblica amministrazione debba stare là dove sta il cittadino e quindi anche utilizzare, con la dovuta accortezza, i canali social.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.