Consumo di suolo: in Campania persi 1.136 km2, l’8,3% della superficie

0
211

In Campania sono stati consumati 1.136 km2 di suolo (8,3% della superficie). Ma la porzione di territorio alterata dal consumo di suolo ha raggiunto l’entità di 8.696 km2 (63,72%). È questo il dato saliente che emerge dal rapporto sul consumo di suolo 2015 presentato nei giorni scorsi a Milano dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ed estrapolato dal Centro Studi ANCE Salerno.

Se si scende nel dettaglio delle singole province è l’area del Napoletano a guidare questa graduatoria con 34.794 ha di suolo consumato (29,5%). Seguono la provincia Salerno (31.430 ha, 6,4%); Caserta (21.235 ha, 8%); Avellino (15.341 ha, 5,5%); Benevento (10.795 ha, 5,2%).

La media complessiva di suolo consumato in Campania è pari all’8,3%: circa tre punti percentuali in più della media Italia (5,8%). Ne consegue che la percentuale di suolo non consumato (91,7%) è inferiore alla media Italia (94,2%). Complessivamente il suolo consumato in Campania incide per il 6,5% sul totale Italia.

Tra le Regioni Obiettivo è la Sicilia a guidare la graduatoria con 1.369 km2, seguono: Puglia, 1.303 km2; Campania 1.136 km2 e Calabria 584 km2. Ma dal punto di vista del suolo consumato la percentuale più alta rispetto alla superficie complessiva regionale appartiene alla Campania: 8,3%. Dietro la Campania si collocano: Puglia, 6,7%; Sicilia, 5,3%; Calabria, 3,9%.

Devono, inoltre, far riflettere le dimensioni delle superfici regionali alterate dal consumo di suolo. In questo caso è in Sicilia che si riscontrano maggiori problematiche con un’area interessata pari a 15.362 km2. Seguono: Puglia, 13.459 km2; Campania, 8.696 km2 e Calabria, 6908 km22.

In termini percentuali è la Puglia a risentire della superficie alterata dal consumo di suolo più ampia, il 68,88%. Percentuali superiori al 50% anche in Campania (63,72%) e Sicilia (59,77%). Chiude la Calabria con il 45,76%.

«Nella classifica delle regioni più consumate – si legge nella nota diffusa dall’ISPRA –  si confermano al primo posto Lombardia e Veneto (intorno al 10%), mentre alla Liguria vanno le maglie nere della copertura di territorio entro i 300 metri dalla costa (40%), della percentuale di suolo consumato entro i 150 metri dai corpi idrici e quella delle aree a pericolosità idraulica, ormai impermeabilizzate (il 30%). Tra le zone a rischio idraulico è invece l’Emilia Romagna, con oltre 100.000 ettari, a detenere il primato in termini di superfici. Monza e Brianza, ai vertici delle province più cementificate, raggiunge il 35%, mentre i comuni delle province di Napoli, Caserta, Milano e Torino oltrepassano il 50%, raggiungendo anche il 60%. Il record assoluto, con l’85% di suolo sigillato, va al piccolo comune di Casavatore nel napoletano». (foto Angelo Tortorella)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.