L’Italia che brucia

0
284

Il Vesuvio, o meglio il suo parco, è in fiamme da una settimana, mentre in Sicilia sono stati evacuati addirittura 700 turisti da un resort a San Vito Lo Capo, a causa di uno dei tanti incendi che stanno distruggendo il patrimonio boschivo dell’isola. E’ la solita litania di ogni estate, aggravata quest’anno dalle particolari condizioni meteo da giorni caratterizzate da caldo e siccità. Detto questo, è imbarazzante da un lato ma avvilente e preoccupante dall’altro constatare che, nonostante uno spiegamento di forze cospicue e tanta buona volontà e generosità di addetti ai lavori e volontari, i tanti piromani, folli o interessati è relativo, indisturbati appiccano incendi un po’ ovunque, anche su superfici boschive già interessate da interventi di spegnimento. E’ il caso del parco del Vesuvio. Possibile mai che nessuno vede questi signori in azione? Mah, forse le complicità sono più estese e diffuse di quanto immaginiamo. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteCava, amianto: a settembre i lavori di bonifica dei prefabbricati delle Ginestre e di Largo Genovesi
Articolo successivoNocera Inferiore, il Comune liquida gli assegni di cura per disabili gravissimi e gravi
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore delle pubblicazioni Testimone di parte, edita nel 2006, Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009, e insieme a Silvia Lamberti Maionese impazzita - Comunicazione pubblica ed istituzionale, istruzioni per l'uso, edita nel 2018, nonché curatore di Tornare Grandi (2011) e Salerno, la Provincia del buongoverno (2013), entrambe edite dall’Amministrazione Provinciale di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.