Povertà, mezzo milioni di bambini affamati è la punta dell’iceberg

0
23

La punta dell’iceberg della povertà minorile in Italia è la presenza di quasi mezzo milione di bambini di età inferiore ai 15 anni che hanno avuto bisogno di aiuto per bere il latte o mangiare durante l’anno.

E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento al nuovo rapporto Di Save The Children secondo il quale in Italia sono oltre un milione e 260 mila i bambini che vivono in condizioni di povertà assoluta, triplicati in 10 anni.

“Anche in Italia bambini e bambine che vivono nei nuclei familiari più poveri – sottolinea la Coldiretti – non hanno accesso a fonti di cibo sicure e sufficienti sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea)”.

“Le maggiori criticità in Italia – precisa la Coldiretti – si registrano in Campania con quasi 70mila bambini di assistiti e in Sicilia con più di 63mila ed in Calabria ma a sorpresa al terzo posto si trova la ricca Lombardia con 51mila minori in difficoltà alimentare”.

Di fronte a questa situazione di difficoltà sono molti gli italiani attivi nella solidarietà a partire da Coldiretti e Campagna Amica che hanno lanciato l’iniziativa della “spesa sospesa”.

Si tratta della possibilità di fare una donazione libera presso i banchi dei mercato di Campagna Amica per fare la spesa a favore dei più bisognosi. In pratica, si mutua l’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo.

 

LA MAPPA DEI BAMBINI CHE NON HANNO DA MANGIARE PER REGIONE

PIEMONTE 30.244
VALLE D’AOSTA 0
LIGURIA 11.243
LOMBARDIA 50.965
VENETO 25.368
TRENTINO ALTO ADIGE 3.343
FRIULI VENEZIA GIULIA 9.787
EMILIA ROMAGNA 31.757
TOSCANA 20.470
UMBRIA 4.122
MARCHE 12.147
ABRUZZO 7.307
MOLISE 237
LAZIO 34.701
SARDEGNA 7.258
CAMPANIA 69.940
BASILICATA 4.312
PUGLIA 25.983
CALABRIA 40.359
SICILIA 63.537
TOTALI 453.080

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.