La CGIL perde iscritti?

0
102

Rispetto alla fine del 2014, ad oggi, la CGIL ha 723.969 iscritti di meno. La notizia, pubblicata dal quotidiano “la Repubblica”, è stata immediatamente e seccamente contestata dalla CGIL, che parla di un “dato totalmente falso”. D’altro canto, l’anno non è finito ed è ancora presto per tirare le somme. Ciò non toglie che i sindacati, non solo la CGIL, farebbero bene a rivedere il loro ruolo, la loro strategia, la loro azione. Quando Crozza fa la caricatura della Camusso e di Landini, rappresentandoli come pateticamente superati dal tempo, indubbiamente esagera, ma coglie il disagio che le organizzazioni sindacali vivono rispetto alle nuove sfide del mondo del lavoro. E’ inutile negare, d’altra parte, che i giovani disoccupati, i precari, i cosiddetti lavoratori atipici, tanto per capirci, non si sentono adeguatamente rappresentati da un sindacato fatto sempre più a immagine e somiglianza di pubblici dipendenti e pensionati. Magari ciò non sarà neanche vero, tuttavia, questa è la percezione più diffusa. Insomma, ai sindacati, in assenza della politica, si chiede uno sforzo in più: essere portatori di una visione politica più complessiva e di più ampio respiro. E non guasterebbero affatto maggiore trasparenza e democrazia. (foto Giovanni Armenante)

Articolo precedenteCava, per i rifiuti ancora contravvenzioni. Il sindaco Servalli: “E’ in atto una svolta radicale”
Articolo successivoCavesi… o guelfi e ghibellini?
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.