FISCO & IMPRESA Legge di bilancio 2021: Credito d’imposta beni strumentali

0
79

La legge di bilancio per il 2021 (Legge 178/2020) recentemente approvata, prevede diverse modifiche al credito d’imposta per gli investimenti strumentalidestinati a strutture produttive ubicate nel territorio nazionale. Tale agevolazione viene estesa fino al 31 dicembre 2022, ovvero al 30 giugno 2023 se risulta effettuato l’ordine d’acquisto e versato almeno il 20% del costo a titolo di acconto al fornitore.

La legge in oggetto conferma sostanzialmente le norme previste per l’agevolazione tuttora in vigore, ma apporta alcune novità: il perimetro di applicazione include ora anche i beni immateriali generici; è stata potenziata l’entità del bonus tramite innalzamento delle aliquote agevolative; sono aumentati i limiti massimi delle spese ammissibili; sono stati velocizzati i tempi di fruizione del credito.

Le nuove disposizioni si applicano agli investimenti realizzati a partire dallo scorso 16 novembre; per quelli precedenti, effettuati dal 1° gennaio al 15 novembre, valgono le regole previgenti.

Il credito d’imposta spetta a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, destinati a strutture produttive ubicate in Italia, a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022, ovvero fino al 30 giugno 2023, a condizione che entro il 31 dicembre 2022 l’ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione.

Gli esercenti arti e professioni, invece, sono ammessi soltanto al credito per investimenti in beni strumentali “ordinari”, cioè non inclusi negli allegati A (beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Industria 4.0”) e B (beni immateriali) annessi alla legge n. 232/2016.

Gli investimenti che danno diritto al credito d’imposta sono quelli riguardante l’acquisto di beni materiali e immateriali nuovi strumentali all’esercizio d’impresa, tranne quelli riguardanti:

  • veicoli e altri mezzi di trasporto;
  • beni per i quali il Dm 31 dicembre 1988 prevede coefficienti di ammortamento sotto al 6,5%;
  • fabbricati e le costruzioni

L’entità del bonus, diversa da quella precedentemente stabilita dalla legge di bilancio 2020, varia in funzione della tipologia dei beni acquisiti e dell’anno in cui si effettua l’investimento, ovvero ammonta al 10% del costo, su un importo massimo di 2 milioni di euro per i beni materiali e di 1 milione per i beni immateriali, elevato al 15% per gli strumenti e dispositivi tecnologici per la realizzazione di forme di lavoro agile.

Il nuovo credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite modello F24  in tre quote annuali di pari importo, con l’eccezione degli investimenti in beni “ordinari” effettuati nel periodo compreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 dicembre 2021 da parte dei soggetti con volume di ricavi o compensi inferiori a 5 milioni di euro, che possono sfruttare il bonus in un’unica soluzione a decorrere dall’anno di entrata in funzione dei beni per gli investimenti in beni “ordinari” o a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni per gli investimenti in beni materiali e immateriali Industria 4.0.

Il bonus per gli investimenti non concorre alla formazione del reddito né della base imponibile Irap, ed è cumulabile con altre agevolazioni riguardanti i medesimi costi, a condizione che il cumulo, considerata anche la non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile Irap, non comporti il superamento del costo sostenuto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.