Cava, è allarme meningite: “Bimbo cavese ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli”

0
182

L’allarme meningite tocca Cava de’ Tirreni. Un bambino della città è ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli. Il piccolo di 4 anni è stato ricoverato d’urgenza e al momento è sotto osservazione al reparto Malattie Infettive del nosocomio partenopeo.

Il ceppo infettivo è di tipo batterico e non virale, differenza di non poco conto visto che la più temibile è quella batterica, soprattutto in età pediatrica. Le meningiti virali non sono contagiose e dunque hanno un andamento più benigno. Le batteriche invece sono più a rischio,  possono essere contagiose e quindi diventa necessaria la profilassi dei soggetti che hanno avuto contatti stretti col paziente.

La notizia porte drammaticamente alla ribalta della cronaca la situazione in Campania, infatti, oltre al piccolo di Cava, sono ricoverate con la stessa patologia un’insegnante di Massa Lubrense e una donna di Eboli. Quest’ultima in condizioni disperate. Mentre pochi giorni fa a Napoli è deceduto un uomo di 36 anni, dopo essere stato ricoverato d’urgenza all’ospedale Cardarelli.

Bisogna evitare di diffondere il panico, sostengono i medici, poiché la situazione in Campania è in linea con l’andamento degli anni precedenti, quindi parlare di incremento della diffusione della malattia non solo è errato, ma contribuisce a creare una psicosi generale.

A darne notizia in serata anche il Comune metelliano con una nota stampa in cui si puntualizzava che “il dott. Giovanni Baldi, nella qualità di Dirigente Responsabile medico dell’Ufficio Igiene Urbana dell’Asl, competente sul territorio comunale, ha comunicato al Sindaco Vincenzo Servalli, l’esistenza di un caso di meningite che ha colpito un bambino che frequenta la scuola dell’Infanzia Epitaffio di Cava de’ Tirreni”.

“Immediatamente -si legge ancora nella nota-  sono stati attivati i protocolli previsti in questi casi e avviata la profilassi che ha già riguardato l’80 per cento dei soggetti interessati e sarà completata nella mattinata di domani”.

“Nella stessa giornata di domani (ovvero oggi, n.d.r.) -conclude- il plesso scolastico sarà oggetto di una pulizia straordinaria e areazione dei locali, così come richiesto dal Responsabile sanitario”. (C.M.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.