Lecce-Salernitana 0-1: la capolista se ne va?

0
162

Nel momento cruciale del campionato i granata si fanno trovare pronti e inanellano la terza vittoria consecutiva stavolta nell’insidiosa trasferta salentina. Dimostrazione di forza e di maturità degli uomini di mister Menichini; il risultato maturato al “Via del Mare”, al cospetto di un Lecce rinfrancato dalla cura Bollini e infarcito di ex granata, assume ancor più significato visto il concomitante pareggio casalingo del Benevento. I salentini, inoltre, erano chiamati ad uno sforzo ulteriore per poter rientrare nella corsa al vertice del girone C, questo per sottolineare la legittima euforia del popolo granata. In due giornate recuperati 5 punti al Benevento, passando dal meno 2 al più 3; nemmeno il più ottimista dei tifosi ci avrebbe scommesso un euro alla vigilia della sfida alle streghe sannite.

La gara. Primo tempo a ritmi molto elevati con costante predominio territoriale dei padroni di casa, sterile ma condito da un pressing asfissiante in ogni zona del campo. Bisogna attendere il 27’ per annotare il primo tiro nello specchio della porta. Il Lecce ci prova dalla distanza con l’ex Gustavo, particolarmente ispirato, ma l’ottimo Gori blocca senza patemi. Dopo la mezz’ora ancora l’ex granata va alla conclusione dal lato sinistro dell’area di rigore, la sfera grazie alla provvidenziale deviazione di Gori, tocca la traversa e finisce sul fondo. La Salernitana si fa vedere poco dopo: un tiro di Gabionetta finisce non lontano dal palo alla destra dell’altro ex, il portiere Caglioni. L’occasione più ghiotta, al netto del predominio leccese, capita ai granata intorno al 40′, Pestrin fa partire un traversone dalla trequarti sul quale si avventa di testa Colombo, ma la sfera si spegne sul fondo di pochissimo. Solo il preludio di quanto succederà più tardi. Il risultato non si schioda dallo 0 a 0 e così si chiude il primo tempo. La ripresa comincia con auspici diversi, gli ospiti sono più propositivi e al 13′ passano meritatamente in vantaggio. La Salernitana trova su azione d’angolo il gol che decide la partita. Batte magistralmente un corner dalla sinistra Favasuli e sullo stacco imperioso in terzo tempo di Colombo, nel cuore dell’area, Caglioni non può nulla; i granata passano in vantaggio. La Salernitana, avanti di un gol, amministra la gara abbastanza agevolmente, rischiando pochissimo e provando a pungere coi subentrati Nalini e Negro. Ottimo soprattutto quest’ultimo per la capacità di far salire la squadra e subire falli allentando la pressione sulla difesa ospite mai realmente impensierita. Ultimo brivido uno svarione di Franco che eccede in un leziosismo a centrocampo e permette una ripartenza che solo un lucido e mirabile intervento difensivo di Pestrin riesce a rimediare. Gli uomini di Menichini portano a casa tre punti preziosissimi per consolidare il primato in classifica.

La nota. Come già detto da sottolineare la forma strepitosa dei ragazzi granata nel momento topico del campionato dopo qualche passaggio a vuoto invernale. Risorse gestite magistralmente dal mister toscano che riesce ad ottenere il massimo dai singoli. Sontuosa la prestazione di Colombo, non solo per il goal, eccellente il rientro di Pestrin, decisivo nel finale, ottimo ancora l’apporto di Moro, giocatore di altra categoria, un lusso per la Lega Pro. Ma buona la prova di squadra e oculata la scelta dei cambi che hanno apportato sapientemente linfa fresca al momento opportuno. Nel complesso vittoria da grande.

Sala stampa.  “Siamo molto felici per il risultato di stasera – così il direttore sportivo Fabiani intervenuto in sala stampa – ma ci aspettano altre nove gare da affrontare e non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia. Ci avviciniamo alla fase finale di questo campionato e dobbiamo tenere ancora più alta la concentrazione senza cullarci sugli allori. Ci lasciamo alle spalle la vittoria di questa sera e già da domani penseremo a prepararci al meglio per la partita contro il Matera, una gara molto difficile in cui come per sabato scorso sarà fondamentale il sostegno del nostro pubblico”. Gli fa da contraltare mister Menichini che dichiara: “Quella di oggi è stata una vittoria importantissima, che dà seguito alla grande prestazione di sabato scorso contro il Benevento. Venire a Lecce dopo soli tre giorni dal match di sabato e fare una partita di questo tipo non era assolutamente facile. Di questo va dato merito ai ragazzi, che hanno lanciato un segnale importante al campionato. Siamo consapevoli di dover rimanere coi piedi per terra perché siamo ancora lontani dal traguardo”. Sulla gara ha aggiunto: “Abbiamo saputo soffrire nei primi venti minuti in cui loro sono partiti molto forte. Poi abbiamo preso in mano le redini del gioco, concedendo pochissimo alla squadra che ha fatto più punti di tutte in casa. Questa prestazione così autoritaria è indice della grande forza di questa squadra”. Chiude Negro protagonista nel finale: “Nelle ultime due partite abbiamo portato a casa sei punti importantissimi, ma il campionato è ancora lungo. È importante far punti con le grandi, ma per vincere i campionati è fondamentale fare bottino pieno anche con le piccole. Quindi fino alla fine dobbiamo mantenere l’umiltà e la determinazione dimostrate in queste ultime partite”.

Giusto predicare prudenza ma se da questo trittico settimanale di partite al vertice, che si chiuderà lunedì contro il Matera, il primato ne uscirà consolidato, sarà proprio vero, come canta da sempre il pubblico granata, che “la capolista se ne va?”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.