scritto da Manuel Senatore - 31 Ottobre 2023 09:49

Cava de’ Tirreni, Cavese: cresce l’attesa per il derby…

La prestazione offerta contro gli ostiensi, di fatto, merita un approfondimento specifico, che non può ridursi alla sola conquista dei tre punti: l'atteggiamento avuto nel primo tempo è stato da film horror, forse i 45 minuti più brutti dell'intera stagione.

Foto di Vincenzo Amore

È stato un sabato decisamente movimentato, quello della Cavese: la partita con l’Ostia Mare si è incanalata sui binari di una montagna russa, con saliscendi emotivi perdurati fino all’ultimo minuto.

Alla fine l’ha risolta Addessi, che di nome fa Simone, e in nome del suo Santo (la gara si è disputata infatti il 28 ottobre), regala tre punti importantissimi agli aquilotti, forse insperati, sicuramente molto sofferti.

La prestazione offerta contro gli ostiensi, di fatto, merita un approfondimento specifico, che non può ridursi alla sola conquista dei tre punti: l’atteggiamento avuto nel primo tempo è stato da film horror, forse i 45 minuti più brutti dell’intera stagione. Poi l’espulsione di Cardella, autore della rete iniziale, ha indirizzato il match in discesa, fino alla doppietta decisiva di Addessi (primo gol davvero spettacolare, tra l’altro, con una conclusione dai 40 metri).

Mister Cinelli dovrà lavorare tantissimo in vista del derby di mercoledì, contro la Nocerina: i molossi, che oggi hanno ufficializzato il nuovo tecnico Giovanni Nappi, vorranno riscattare la storica sconfitta dello scorso campionato, per tentare di lavare via un’onta ancora fresca nella memoria dei tifosi. Risolta la grana Ferraro, che aveva rifiutato l’incarico dopo appena due giorni, lasciando in balia delle acque la squadra, adesso a Nocera sono pronti per ripartire. Quale occasione migliore, dunque…

Buone notizie arrivano dalla Giustizia sportiva: è stata infatti ridotta la squalifica per Ciro Foggia, che non dovrà scontare di conseguenza due turni di stop, ma sarà già disponibile contro i rossoneri. L’Airone colmerà il vuoto in attacco palesatosi nella scorsa partita, dove Chiarella e Felleca non hanno apportato i risultati sperati.

Prosegue a gonfie vele invece la prevendita dei biglietti: l’obiettivo è quello di raggiungere i numeri dello scorso anno, quando al Lamberti  giunsero oltre 6000 persone, in un tripudio generale culminato con il prima citato 6-1.

Universitario, laureato in Economia e Management, speaker radiofonico, giornalista in erba, un futuro ancora tutto da scrivere ma con grandi idee in sottofondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.