FISCO & IMPRESA Decreto sostegni: Reddito di emergenza

0
30

Il Decreto Sostegni ha provveduto a rifinanziare il Reddito di emergenza 2021, estendendo di ulteriori tre mesi la misura di aiuto per le famiglie in difficoltà. Con il messaggio numero 1378, l’INPS ha provveduto a fornire tutti i chiarimenti in merito.

Il reddito di emergenza sarà corrisposto per tre mensilità, ovvero marzo, aprile e maggio. Le domande potranno essere presentate dal 7 aprile, fino al prossimo 30 aprile online, attraverso il servizio dedicato sul sito dell’INPS, autenticandosi con le proprie credenziali SPID, CIE o CNS, oppure tramite Caf e Patronati.

I requisiti per ottenerlo sono i seguenti:

  • residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio;
  • un valore del reddito familiare con riferimento al mese di febbraio 2021 inferiore a una soglia pari all’ammontare del beneficio;
  • un valore ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore a 15 mila euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2020 inferiore a 10 mila euro. La soglia aumenta di 5 mila euro per ogni componente successivo al primo (fino a un massimo di 20 mila euro), in presenza di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini ISEE.

Inoltre, solo in caso di mancato soddisfacimento di questi requisiti, la norma prevede la possibilità di riconoscere il beneficio a coloro che abbiano terminato tra il 1 luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 le prestazioni NASpI e DIS-COLL e un ISEE in corso di validità, ordinario o corrente, inferiore a 30 mila euro.

L’importo spettante varia da 400 euro fino a 840 euro (nel caso in cui all’interno del nucleo vi sia una persona con disabilità grave) in relazione all’ammontare dell’Isee e al numero di componenti per nucleo familiare. Per i nuclei familiari che risiedono in abitazione in locazione la soglia del beneficio è incrementata di un dodicesimo del valore annuo del canone di locazione.

Il pagamento del Reddito di emergenza può avvenire attraverso bonifico bancario o postale, accredito su libretto postale, oppure attraverso bonifico domiciliato presso lo sportello dell’ufficio postale indicato in fase di compilazione della domanda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.