FISCO & IMPRESA Decreto liquidità: sospensione versamenti

0
111

Il “Decreto Liquidità” ha finalmente visto la luce e, oltre a tutte le misure a sostegno delle imprese che abbiamo già trattato, prevede una nuova sospensione dei termini di versamento delle imposte del mese di aprile e maggio, che si va ad aggiungere alla sospensione già prevista per il mese di marzo.

La complicazione è che la sospensione del mese di marzo segue delle regole totalmente diverse da quelle previste per i mesi di aprile e maggio.

Andiamo ad analizzarle.

Il decreto dispone a favore delle imprese e dei professionisti aventi domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, la sospensione di:

1 – ritenute alla fonte di cui agli articoli 23, 24, del D.P.R. 600/73 (“ritenute paghe”), comprese addizionale regionale e comunale;

2 – Iva;

3 – Contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. La sospensione, però, è possibile soltanto se sono rispettati i seguenti parametri: Tutto ciò, condizionato ad una situazione di calo dei ricavi e compensi, da verificarsi secondo i seguenti parametri: deve essere intervenuta una diminuzione di ricavi o dei compensi di almeno il 33 per cento nel mese di marzo 2020 rispetto al mese di marzo 2019, per i contribuenti aventi ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente. Sopra i 50 milioni di euro, la riduzione deve essere come minimo del 50%. Vengono sospesi i versamenti scadenti a maggio, con lo stesso criterio di cui al punto precedente, solo che in questo caso la verifica dei ricavi o compensi deve essere effettuata confrontando aprile 2020 con aprile 2019. I versamenti scadenti nel mese di aprile e maggio potranno essere effettuati entro il 30 giugno in un’unica soluzione, oppure in 5 rate senza applicazione di sanzioni ed interessi. Questa sospensione crea molte difficoltà ai consulenti, i quali dovranno provvedere ad aggiornare le contabilità delle imprese e fare calcoli complessi per verificare la sussistenza dei requisiti previsti dal decreto. Va precisato che dalla lettura attenta del decreto, emerge che i contributi artigiani e commercianti scadenti il 18 maggio prossimo non godono di alcuna sospensione. Quindi alla data attuale, a meno di un’auspicabile precisazione da parte dell’Inps, tale adempimento non rientra nel decreto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.