Salerno, concerto di Carnevale dell’associazione culturale “Il Caffè dell’Artista”

0
152

Un “Concerto di Carnevale” particolare, sicuramente originale, quello proposto lunedì sera, alla Sala Moka di Corso Vittorio Emanuele,  dal Trio Pragma,  che con la salernitana  Federica Severini,  al violino, e i napoletani  Gennaro Musella, al pianoforte, e Giovanni Sanarico,  al violoncello, ha scelto un repertorio abbastanza vario ed impegnativo,  eseguendo brani di Ludwig Van Beethoven e di Bedrich Smetana.

Nella prima parte del concerto, infatti, i tre giovani concertisti hanno eseguito  il Trio Opera 1 numero 2 in sol maggiore di Ludwig Van Beethoven,  uno dei lavori giovanili del compositore e pianista tedesco che  è stato interpretato  mantenendo un’ottima pulizia del suono e una buona intonazione.

Puro e chiaro  il  fraseggio del  violino e del violoncello  ed anche  l’attacco del suono che si è sposato bene  con la tonalità del pianoforte che ha fatto da collante tra gli archi, creando una massa e una gamma  sonora molto ampia. Nella seconda parte del concerto il Trio ha voluto cambiare tonalità e ambientazione eseguendo   il Trio Opera 15 in sol minore del compositore ceco Bedrich Smetana, da lui  scritto in un momento particolarmente drammatico della sua vita.

Un pezzo veramente bello, passionale,  che ha messo alla prova gli strumentisti che, tenendo bene  il suono  e dosando la lunghezza dei fraseggi e l’intensità del vibrato,  hanno saputo superarla brillantemente.

I tre musicisti, con il loro repertorio, sono riusciti a toccare le corde dell’animo del  numeroso e attento pubblico presente. Ancora una volta il  Trio Pragma, nato nel 2013 tra le aule del Conservatorio  di San Pietro a Majella di Napoli, vincitore di numerosi concorsi internazionali, ha dimostrato le sue limpide abilità  virtuosistiche ed  espressive. Il Trio Pragma, dopo aver vinto  di recente a Cava de’ Tirreni, il  concorso europeo “Jacopo Napoli”, l’11 aprile si esibirà al  Festival di S. Giacomo di Bologna.

Ad annunciarlo è stato il dottor Aldo Sessa, addetto alla comunicazione dell’associazione culturale ” Il Caffè dell’Artista ” presieduta dalla professoressa Florinda Battiloro, che ha organizzato il concerto.

“E’ una delle associazioni più  importanti d’Italia”,  ha ricordato il dottor Aldo Sessa, che ha spiegato le origini del nome dell’associazione: “Ricorda i Caffè dove si incontravano poeti, pittori, filosofi, artisti di ogni genere per parlare d’arte, e non solo.

Ogni lunedì alla Sala Moka  organizziamo conferenze,  convegni medici, presentazioni di libri, manifestazioni musicali, mostre di pittura, di scultura, di ceramica in cui presenziano varie personalità. Abbiamo anche  l’onore di avere tra i nostri i soci il Presidente Nazionale di tutte le Associazioni Culturali, il professor Cosmo Salvemini“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.