Cava, iniziativa benefica dei Servizi sociali d’intesa con il Tribunale di Salerno

0
249
foto Angelo Tortorella

 

I Servizi sociali del comune di Cava de’Tirreni, a seguito di richiesta inoltrata al Tribunale di Salerno, Ufficio “dei corpi di reato”, preposto alla conservazione a disposizione dell’autorità giudiziaria dei reperti sequestrati, ha ricevuto in consegna un congruo numero di giubbotti che sono stati consegnati alle persone che si trovano in stato di bisogno. Si tratta di un importante iniziativa di solidarietà nei confronti dei cittadini più disagiati.

Il Tribunale di Salerno, ha infatti disposto che il materiale sequestrato non fosse distrutto ma invece devoluto in beneficenza.

Da qui la richiesta inoltrata dai Servizi sociali comunali che hanno così potuto realizzare un’opera caritatevole per i meno fortunati.

Articolo precedenteGoverno, è ancora tutto in alto mare
Articolo successivoVacanze, aumentano gli italiani in viaggio per i ponti di primavera
Sono un giornalista e mi occupo di comunicazione pubblica in un Piano sociale di Zona. Amo leggere, sono appassionata del mare e nei miei consumi culturali ci sono il cinema, la musica e i beni artistici. Sono il presidente dell’Associazione Comunicazione&Territorio che pubblica Ulisse on line e organizza da undici edizioni la rassegna letteraria Premio Com&Te, che rappresenta, tra l'altro, un momento di confronto tra giovani studenti e scrittori del panorama letterario italiano. Ho collaborato per molti anni con testate giornalistiche a diffusione locale e regionale, quali Confronto, l’Opinione, il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, e curato uffici stampa ed attività di comunicazione pubblica ed istituzionale presso comuni, aziende pubbliche ed il Conservatorio statale Martucci di Salerno. Ho insegnato teoria e tecnica della comunicazione presso alcuni istituti superiori della provincia di Salerno. Seguo con grande attenzione le evoluzioni della comunicazione pubblica in Italia ed in particolare il gruppo dell’Associazione #PASocial. Credo che la Pubblica amministrazione debba stare là dove sta il cittadino e quindi anche utilizzare, con la dovuta accortezza, i canali social.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.