Cava, frazione Annunziata: ladri in casa mentre guarda la tv

0
3911
Foto di Vincezo Giaccoli

Stanza a soqquadro, cassetti spalancati, abiti gettati ovunque da mani sconosciute a caccia di soldi e gioielli, che si portano via qualcosa che non si può ricomprare: i ricordi, il cui valore affettivo va ben oltre quello economico. Spingendo le famiglie all’interno di un incubo fatto di rabbia e insicurezza. E paura.

L’episodio è andato in scena domenica pomeriggio intorno alle 18 a Campitiello, la panoramica località  della frazione Annunziata dalle cui colline è possibile osservare il Golfo di Salerno, mentre alle spalle vi sono i resti delle Torri longobarde da cui veniva praticata la caccia ai colombi.

“Erano da poco passate le 18 – raccontano i padroni di casa – noi ci eravamo recati alla celebrazione della Santa Messa domenicale, mentre nostro figlio era rimasto in camera sua a guardare la televisione”. Non lo sapeva, ma non era solo. C’era qualcuno nella stanza accanto che stava rovistando tra le cose dei genitori. Per fortuna il ragazzo non si è trovata faccia a faccia con i ladri. Non si è accorto di nulla. I malviventi sono entrati dalla porta d’ingresso. Oltrepassata la cucina, si sono recati nella stanza matrimoniale, tralasciando quella dove stava riposando il figlio.

Hanno buttato tutto sul letto e hanno preso soltanto le cose di valore – racconta sconsolata la signora F. M. – hanno lasciato la bigiotteria e si sono portati via un orologio, del contante che era sul comò perché l’indomani mi sarei recata a pagare la bolletta del gas, alcuni  gioielli e la mia fede che avevo riposto sul comodino”.

I ladri devono aver sentito, a un certo punto, il ragazzo lasciare la sua stanza per recarsi in cucina, perché hanno lasciato precipitosamente la stanza scappando dal balcone e correndo giù per i terreni coltivati fino in paese. Di loro nessuna traccia, soltanto due paia di impronte che affondano nel terreno durante la fuga. Ritornati a casa verso le 19, i coniugi hanno trovato quest’amara sorpresa e nulla hanno potuto fare se non chiamare la Polizia di Stato che è prontamente accorsa per appurare la dinamica dei fatti.

L’episodio è avvenuto a pochi giorni da un altro simile che si è consumato sempre a Campitiello. In un’altra abitazione sono penetrati degli uomini e hanno portato via con loro  tre tv e un computer.

“Poteva andare peggio – afferma con rassegnazione A. M., il padrone di casa – nostro figlio si sarebbe potuto scontrare con i ladri se si fosse accorto di qualcosa, e non so cosa sarebbe potuto accadere”.

E’ una magra consolazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.