Cava, Forza Italia riparte dalla pagina Facebook per riconquistare il governo della città

0
108
Il professore Pasquale Santoreillo

Forza Italia a Cava de’ Tirreni riparte da una pagina Facebook. In una stagione politica che vede in città il governo della sinistra guidato dal sindaco Servalli e in campo nazionale lo strapotere della Lega di Salvini, che sta riducendo ai minimi termini il consenso degli azzurri, i forzisti cavesi pensano bene di suonare la riscossa partendo dalla pagina Fb.

“Adesso bisogna riempirla con contributi politici -spiega il professore Pasquale Santoriello, responsabile della Scuola di partito azzurra, i  cui corsi hanno riscosso un lusinghiero successo di presenze e di contenuti- e in prima linea devono esserci i nostri rappresentanti, il commissario, il consigliere comunale, il direttore del corso che con i loro editoriali possono tracciare le linee guida della nostra azione politica”.

“Ma anche tutti gli altri -afferma il commissari cittadino Fortunato Palumbo-  devono far sentire la loro voce e dare il loro contributo sia nelle idee, con appositi spazi, e sia nella divulgazione della pagina. Confidiamo sulla disponibilità e collaborazione di tutti, giovani, donne e di tutti gli altri. Che questa pagina sua l’auspicio per una galoppante rincorsa al sindacato di Cava”.

“Sì perché la pagina è solo uno strumento -conclude Enrico Polacco, consigliere comunale nella precedente consiliatura- in effetti dobbiamo costruire sul territorio un’azione politica incisiva e nel contempo lavorare per ridare unità al centrodestra per costruire un’alternativa a questa grigia e stanca amministrazione di sinistra. Ci sono tutte le condizioni per riuscirci, occorre solo tanta umiltà e lavoro politico, ma alla fine i risultati si vedranno anche perché la gente è stanca di questo non-governo della città e non chiede altro di mandare a casa gli attuali amministratori”.

Insomma, se son rose fioriranno, stiamo a vedere…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.